Coppa Italia. Il capolavoro di Callejon porta il Napoli ai quarti

Napoli CallejonChe gollazo Callejon! Che fortuna Insigne! Che grande il Napoli che vince 3-1 con l’Atalanta e passa il turno di coppa Italia, approdando ai quarti di finale, dove pescherà la Lazio.

Partita difficile quella che si è disputata davanti ad una buona cornice di pubblico al San Paolo. L’Atalanta di Colantuono infatti, non si è affatto tirata indietro, anzi, ha giocato una buona partita, portando avanti diverse azioni pericolose e andando addirittura in vantaggio al 13′ dopo la rete di De Luca. E’ un gol che scaturisce da un contropiede magistrale nato dopo una palla persa di Pandev, che non ha permesso alla difesa di piazzarsi in tempo e permettendo cosi a  Livaja  di mettere con i tempi giusti un pallone in area partenopea che De Luca senza troppi problemi  ha trasformato in gol.

Il Napoli però reagisce subito, e Callejon trova un gol da antologia. Cross dalla sinistra di Reveillere, lo spagnolo si coordina al volo e manda la palla sul palo opposto, segnando cosi un gol che molto difficilmente dimenticherà. Undicesimo gol stagionale dell’ex Real Madrid, che sta diventando uno dei pilastri dell’attacco partenopeo. L’Atlanta, forse un po stordita dal capolavoro di Callejon, non è più brillante come nei primi minuti. Ne consegue un forcing del Napoli, che però non porta grandi risultati. 1-1 all’intervallo.

Inizia la ripresa e i ritmi sono bassi. Arrivano i primi cambi, e torna a calcare il terreno di gioco Marek Hamsik, accolto con un boato dal pubblico del San Paolo. Dopo l’entrata in campo dello Slovacco si accende la partita. Prima Insigne su calcio di punizione al 62′ prende l’incrocio dei pali sfiorando il secondo capolavoro di giornata, poi lo stesso numero 24, sigla il 2-1 dopo una rocambolesca azione. Revelliere crossa per Higuain, entrato al posto di Zapata, la palla al Pipita, in fuorigioco, non arriva e rimbalza sulla schiena di Del Grosso, permettendo cosi ad Insigne di battere Polito. I Bergamaschi si fermano reclamando la posizione irregolare di Higuain, l’arbitro non fischia e Insigne butta dentro la seconda rete partenopea tra le proteste dei nero-azzurri. Il più acceso nelle proteste è Yepes, che viene prontamente espulso da De Marco. Il Napoli,però, forte del vantaggio e della superiorità numerica continua ad attaccare ed è ancora Callejon, a fare 12 in stagione, ed a segnare il terzo gol del Napoli che chiude definitivamente i giochi.

I ragazzi di Benitez hanno giocato nel complesso una buona gara, ma persistono i problemi soprattutto a centrocampo. La coppia schierata dallo spagnolo, Inler – Radosevic, non ha dato chissà quante certezze. Lo svizzero sembra parente lontano del giocatore fantastico visto ad Udine, mentre Radosevic, nonostante un indiscusso impegno e una prestazione sufficiente, non è pronto per calcare palcoscenici di élite europea. L’intervento sul mercato però, tarda ad arrivare ed i tifosi hanno apertamente dichiarato il loro dissenso al lavoro che De Laurentis sta portando avanti, esponendo uno striscione con scritto ” ADL la minaccia di andar via non ha sortito effetto aspettiamo con ansia che spendi il tesoretto”. Mancano ancora due settimane alla fine del calciomercato e solo il tempo saprà dire se siamo davanti all’ennesima falsa speranza di fare il definitivo salto di qualità o davanti ad un progetto serio dove i giocatori importanti vengono presi e dove di conseguenza il tempo da aspettare è maggiore.

Lascia un commento

19 − 14 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.