“Chi ha inquinato deve pagare”. Gli studenti contestano Caldoro e Orlando

protesta studenti orlandoNapoli, 18 gennaio – Circa cinquanta studenti hanno presidiato l’esterno della sede universitaria Suor Orsola Benincasa di Napoli dove nell’ambito del ciclo di incontri il “Sabato delle idee” si è svolto un convegno sulla questione della Terra dei Fuochi, al quale ha partecipato il ministro Orlando. Gli studenti hanno accolto con cori di protesta e striscioni la venuta di Orlando a Napoli ed è stato necessario un presidio delle forze dell’ordine per controllare la situazione. La polizia ha bloccato i manifestanti costringendoli a restare su Corso Vittorio Emanuele lontano dall’entrata dell’Ateneo.

Forte la contestazione anche all’indirizzo del Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, anch’egli tra i relatori del dibattito, al coro “Chi ha inquinato deve pagare” ed uno striscione che recitava: “Fuori i responsabili di biocidio da scuole e facoltà”.

“Il termovalizzatore di Acerra c’è, sugli altri stiamo discutendo” – ha affermato il ministro Orlando. Ed ha aggiunto: “Credo che si debba ragionare sui diversi scenari in campo. C’è una commissione di esperti che è stata da me insediata. Ora attendiamo le conclusioni di questo gruppo di lavoro”.

Sono passati più di quattro anni da quando l’allora presidente del consiglio Silvio Berlusconi inaugurava il termovalizzatore di Acerra. Oggi quell’impianto ha raggiunto livelli di efficienza elevati e trasforma ogni giorno 1950 tonnellate di rifiuti in energia.

FOTO: tratta da repubblica.it

Lascia un commento