La “cara” Tangenziale di Napoli di Pomicino incassa le lamentele degli utenti

tangenzialePaolo Cirino Pomicino decide e Benetton incassa 5 centesimi in più per il pedaggio

Napoli, 20 gennaio – Il 1 gennaio il pedaggio della Tangenziale di Napoli è passato da 90 a 95 centesimi e da allora continuano ad arrivare in redazioni commenti e lamentele dei nostri lettori.

Quello della Tangenziale di Napoli (A56) è un caso del tutto particolare dato che risulta essere l’unica in Italia ad avere un pedaggio che  che dal 2006 ad oggi il rincaro ha visto lievitare l’obolo da 65 centesimi a 95 con un aumento quindi del 46,15%.

L’A56, 20 km di strade che permettono di raggiungere sia il centro di Napoli, che zona universitaria ed ospedaliera ancorché la provincia, è nata nel 1968 con lo strumento del project financing e il pedaggio serviva a recuperare i soldi impegnati per la sua realizzazione, ma solo fino al 2001. Fino al 2008 non ci sono state motivazioni ufficiali del perché si continuasse a pagare e del perché dei rincari. Anzi, l’aumento del pedaggio va di pari passo con quelli delle autostrade.

La Tangenziale di Napoli S.p.A è una costola del gruppo Atlantia il cui presidente da marzo 2011 è Paolo Cirino Pomicino, colui che nell’ultimo governo Andreotti era ministro del Bilancio. Principali azionisti di Atlantia sono i Benetton. Quindi i soldi incassati con il pedaggio, che ammonterebbero a circa 100 milioni all’anno, non vanno a finire nelle casse pubbliche.

Il presidente Pomicino l’anno scorso ha motivato l’aumento, nella necessità di racimolare fondi per migliorare la rete e le infrastrutture: zona Ospedaliera, Capodimonte, Corso Malta, e Capodichino, e per l’installazione di barriere fonoassorbenti. Progetti per un totale di 67 milioni di euro. Lavori avviati dieci anni fa, e che dovrebbero terminare nel 2014. Molte le associazioni che si stanno battendo per bloccare il rincaro o addirittura per eliminare del tutto il balzello.

Lascia un commento

11 + 16 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.