Pillole di calcio Napoli-Chievo, l’analisi tattica

tifosi-napoliI tifosi contestano De Laurentiis

Il Napoli impatta per 1-1 contro il Chievo. I gol al San Paolo sono di Sardo nel primo tempo e di Albiol da azione di corner a due minuti dal novantesimo. Sconfitta evitata ma ancora due punti persi nella rincorsa alla Roma oggi impegnata al Bentegodi contro il Verona.

FORMAZIONE. Il modulo di sempre con il rientro di Hamsik dal primo minuto e Mertens preferito a Insigne. In difesa Britos rileva lo squalificato Fernandez al fianco di Albiol e sull’out di sinistra c’è Reveillere con Armero non convocato per febbre ma, a quanto pare, messo anche sul mercato. Il Chievo viene a Napoli con il più classico dei 5-3-2, chiuso a riccio e pronto alle ripartenze.

PRIMO TEMPO. Il Napoli ripete, grosso modo, gli stessi 45 minuti iniziali del Dall’Ara con buon possesso, buona circolazione ma ritmo troppo lento e compassato. Non solo non riesce a impensierire la porta di Puggioni (solo Higuain in un’occasione spreca da zero metri) ma offre anche campo alle ripartenze clivensi che trovano presto il gol del vantaggio.

RIPRESA. Senza dubbio il Napoli gioca meglio e produce tante occasioni anche se il pari arriva troppo tardi per sperare nella rimonta finale.

JORGINHO. Il neo acquisto entra nel secondo tempo, in un momento anche emotivamente difficile ma non trema. Anzi dimostra sul campo la stessa personalità intravista nella conferenza di presentazione. Non si nasconde mai, offre una traiettoria di passaggio libera ai compagni e imbastisce bene il gioco alternando passaggi corti e lunghi, orizzontali e verticali con buona precisione. E tutto ciò alla prima alla San Paolo e giocando per la prima volta in carriera in un centrocampo a due.

RAFA OK. Si dice che un allenatore puo’ accompagnare la sua squadra fino agli ultimi venti metri e che poi tutto dipende dai giocatori. Nel senso che un allenatore può costruire le trame di gioco, insegnarle e farle ripetere ai suoi uomini ma che poi sono quelli che vanno in campo che devono metterle in pratica. E, ieri, il Napoli ha prodotto almeno 7 occasioni gol vanificate da imprecisioni dei singoli. Higuain, a parte l’errore sotto porta, appare abbastanza stanco ma un’alternativa non c’è. E pensiamo ad esempio anche ai difensori che ieri erano in panchina pronti a subentrare in caso di necessità…

MERCATO. I tifosi sembrano aver individuato il colpevole in De Laurentiis. Lo striscione di ieri inequivocabile: “Sulla nostra passione vuoi lucrare… per fare i tuoi film che fanno cagare”.

 

Lascia un commento

12 − sei =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.