Cassazione: vietata la vendita di frutta e verdura all’aperto

Coldiretti attacca il provvedimento, favorisce la grande distribuzione

frutta-e-verduraRoma, 12 febbraio – A seguito di una sentenza del Tribunale di Nola, la Cassazione ha vietato la vendita di frutta e verdura all’aperto, penalmente perseguibile con ammenda per la violazione della legge 283/1962, riguardante la “disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande.” Il Tribunale di Nola aveva infatti condannato un commerciante ambulante per la vendita di frutta e verdura su strada, modalità questa che esponeva i generi alimentari in questione agli agenti atmosferici ed inquinanti, pregiudicandone la qualità e la relativa salubrità. L’episodio era avvenuto a Pomigliano d’Arco, dove l’uomo era stato condannato per la cattiva conservazione dei generi alimentari, non rispettando le norme sanitarie in materia.

Nella sentenza della terza sezione penale, si legge che: “il cattivo stato di conservazione dell’alimento può assumere rilievo anche per il solo fatto dell’obiettivo insudiciamento della sola confezione, conseguente alla sua custodia in locali sporchi e quindi igienicamente inidonei alla conservazione, ed è configurabile anche nel caso di condizioni igieniche precarie”. Nel caso in esame, come si legge dalla stessa sentenza, “tre cassette di verdura erano esposte all’aperto e, pertanto, a contatto con agenti atmosferici e gas di scarico dei veicoli in transito e la verdura era esposta per la vendita sul marciapiede antistante l’esercizio commerciale”.

La Coldiretti ha intanto ritenuto il provvedimento lesivo delle piccole realtà commerciali, le quali hanno registrato un calo record delle vendite del 3% nel 2013, favorendo invece la grande distribuzione dei centri commerciali. Tutto questo potrebbe anche disincentivare il consumo di generi alimentari assolutamente fondamentali per la salute dell’uomo, mentre l’obiettivo, come afferma la stessa Coldiretti, deve essere invece quello di rimuovere gli alti tassi di inquinamento.

Lascia un commento