E’ l’ora della svolta: BagnoliFutura sarà liquidata

Protesta dei lavoratori davanti a Palazzo San Giacomo

bagnolifutura ingressoA seguito di un’assemblea tenutasi a Palazzo San Giacomo, è stata ufficialmente confermata la liquidazione di BagnoliFutura, di cui il Comune di Napoli è socio di maggioranza, con il 90% delle quote. A renderlo noto l’assessore al bilancio del Comune, Salvatore Palma, presente alla riunione in qualità di rappresentante. È stato inoltre stabilito che il liquidatore sarà l’attuale presidente del Cda della BagnoliFutura Omero Ambrogi.

Dal 2002, il progetto BagnoliFutura ha avuto il compito di rivalutare e di trasformare un’area particolarmente danneggiata, sede dell’ex Italsider. 

La decisione di queste ore ha immediatamente scatenato reazioni di protesta e sit in davanti a Palazzo San Giacomo, dove una trentina di dipendenti si sono riuniti per manifestare tutta la loro disapprovazione, in una situazione di congiuntura economica di per sé già particolarmente negativa.

Dal canto suo, il sindaco Luigi De Magistris, ha cercato di rasserenare gli animi affermando con decisione: “Siamo ad una svolta. Si supera la BagnoliFutura, si completa la bonifica, parte la ricostruzione di Città della Scienza e della spiaggia. Siamo ad una svolta per quella che è la vocazione di Bagnoli: il turismo e l’edilizia sociale, l’impresa, cioè quel progetto su cui stiamo lavorando da tempo. La crisi di BagnoliFutura produce una accelerazione, perciò ho chiesto al governo di starci vicino in questa fase così delicata. La preoccupazione dei lavoratori è comprensibile, ma la garanzia che posso dare è che non saranno lasciati soli, ci sono infatti procedure di mobilità che possono essere messe in campo, quindi alcuni lavoratori potranno essere impegnati per la svolta di Bagnoli ed altri in altre realtà. Ho ragione di ritenere, dunque, che non ci saranno licenziamenti”.

Nonostante la difficile situazione, il sindaco ha anche garantito che non ci saranno ingerenze malavitose, precisando che: “Non ci sarà la svendita dei suoli e non ci sarà nessuna infiltrazione da parte di camorra o colletti bianchi travestiti, ma ci sarà invece una strategia importante che voglio concordare con le forze politiche e col Consiglio comunale”.

De Magistris ha poi concluso con delle importanti dichiarazioni in merito alle prospettive future: “È il momento di dare una svolta: noi possiamo, infatti, offrire anche prospettive di lavoro importanti per i giovani di quel quartiere, mettendo insieme Bagnoli, l’ex area Nato, lo sviluppo della Mostra d’Oltremare, la ripresa di Edenlandia e zoo. Sto lavorando personalmente a tutto questo, sia a Napoli che a Roma. Dobbiamo avere serenità e aprire un dibattito in città serio e, soprattutto, fare presto”.

FOTO: tratta da napoli.repubblica.it

Lascia un commento