Campania, sarà una stagione turistica ricca di eventi

Successo di pubblico nell’area espositiva della Regione Campania presente alla scorsa edizione della BIT

piazza-plebiscitoGrande interesse per gli eventi messi in agenda dalla Regione e presentati alla Borsa Internazionale del Turismo, a Milano dal 13 al 16 febbraio scorso (vai all’articolo), durante la conferenza stampa di apertura lavori. Tante le iniziative e tra queste spicca il  “Viaggio in Campania. Sulle orme del Grand Tour”, il fiore all’occhiello della programmazione per la stagione 2014.  “La più importante operazione sistematica di valorizzazione dei beni culturali in chiave turistica mai realizzata in Campania” – come ha affermato Pasquale Sommese, assessore regionale ai Beni Culturali e Turismo della Regione Campania  – Mettiamo a sistema l’immenso patrimonio esistente, dai grandi attrattori culturali, come l’area archeologica vesuviana o le regge borboniche, ai piccoli gioielli delle aree interne, tesori spesso dimenticati, ma di particolare interesse storico e artistico”.

A partire dalla settimana antecedente la Pasqua, seguiranno nove mesi ricchi di manifestazioni culturali con mostre, itinerari da scoprire ed escursioni varie che promuoveranno le zone interne, forse meno note, ma non certo di minore importanza. Centoventi tra musei, siti, chiese, parchi archeologici e parchi naturalistici le realtà campane da scoprire, abbinate alle famose Pompei, il Vesuvio o la Reggia di Caserta.

Il “Grand Tour”, realizzato e curato da Scabec, la società regionale per i Beni Culturali e promosso dall’Assessorato ai Beni Culturali e Turismo della Regione Campania, mediante il circuito Campania>Artecard, è la versione moderna del viaggio di formazione settecentesco che all’epoca vide filosofi, musicisti, poeti e pittori, celebrare il Sud in tutta la sua arte e la sua storia.

Ma “Viaggio in Campania. Sulle orme del Grand Tour“, come specificato da Pasquale Sommese,  non è soltanto un ricco programma di eventi, si tratta, infatti, di  “Un progetto strategico finalizzato a creare le condizioni per una fruizione turistica migliore intervenendo anche sui servizi quali l’incremento e il miglioramento della segnaletica; l’ampliamento degli info point cittadini e nelle principali realtà turistiche culturali; l’integrazione del trasporto pubblico per i siti di difficile raggiungimento. Previste anche aperture straordinarie di luoghi normalmente chiusi al pubblico”. Al passo con gli amanti del web, un’applicazione per smartphone e tablet tutta dedicata al “Viaggio in Campania”.

La BIT è stata sede del lancio anche di “Mangiacammina“, la Passeggiata del Gusto che sulla scia dei successi in Abruzzo arriverà a Napoli il prossimo 20 giugno. “Lungo il percorso che si sviluppa per circa dieci chilometri nella Napoli ellenica, romana, angioina e spagnola – questa la descrizione del Comune di Napoli –  si andrà alla riscoperta dei luoghi, monumenti, panorami e tradizioni, ballando la musica popolare proposta dai gruppi itineranti e degustando, presso soste attrezzate dislocate lungo il percorso, i prodotti della tradizione culinaria locale, selezionati dal maestro della cucina napoletana noto in tutto il mondo, Antonio Tubelli.”

Sarà una stagione di grandi eventi per la Campania, per saperne di più è possibile consultare e scaricare l’ Agenda Culturale 2014 

Lascia un commento

quattro − uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.