Microcredito, la Regione Campania a sostegno dell’economia locale: 1248 progetti finanziati

Caldoro: “Un immediato impatto positivo sul territorio”

microcreditoNapoli, 26 febbraio – Ben 1248 sono le richieste di finanziamento accettate in Campania grazie all’attività finanziaria del Microcredito: un’iniziativa realizzata dalla Regione per risollevare l’economia territoriale. Il Microcredito prevede prestiti da 5 mila a 25 mila euro da concedere in forma agevolata a soggetti non bancabili, cioè coloro che difficilmente avrebbero accesso ai comuni crediti bancari per la realizzazione di nuove attività o per il miglioramento di quelle preesistenti.

Il territorio di Napoli è quello che ha ricevuto maggiori richieste con una percentuale pari al 42%, seguito poi da Salerno (24%), Caserta (15%), Avellino (11%), e Benevento (8%). Tra i settori di investimento il commercio si colloca al primo posto, seguito dal settore del turismo e dell’artigianato. Il progetto mira a dare priorità soprattutto alle categorie più svantaggiare, come giovani, disoccupati di lunga durata e donne, sostenendo la creazione di imprese cooperative. Di fatto, i beneficiari sono stati perlopiù immigrati (53%), donne (34%) e disoccupati o lavoratori in condizioni di mobilità (10%). Nelle richieste di finanziamento sono ammessi tutti i settori di attività economica, dando però precedenza al manifatturiero, all’artigianato, alla valorizzazione dei prodotti locali, ai servizi culturali e turistici, e alle ICT.

Il Presidente della Regione Stefano Caldoro, si è dimostrato ampiamente soddisfatto dell’iniziativa e dei risvolti positivi che essa può avere sullo sviluppo territoriale, affermando che si tratta di: “un immediato impatto positivo sul territorio. Questa misura ha favorito il 56% di nuove imprese e attività, e significa dare una mano a tanti cittadini che vogliono aprire un’attività professionale o commerciale. Inoltre la restituzione di quello che si è avuto significa che i fondi vengono rimessi in circolo per altri che volessero fare impresa”.

Altrettanto entusiasta dell’iniziativa, l’assessore regionale al Lavoro Severino Nappi, il quale ha commentato i risultati di quest’importante progetto finanziario sottolineando che rispetto alle altre realtà territoriali: “abbiamo un tasso di restituzione dei prestiti che è del 96%, il più alto d’Italia”. Rileva inoltre che si tratta di: “un segnale molto importante per questa terra. Questo è un prestito senza interessi che ha dato a chi non ce l’aveva, la possibilità di aprire un’attività.”

Per la prossima selezione di accesso al Microcredito, la Regione ha stanziato 35 milioni. Per maggiori informazioni in merito ai requisiti necessari e alla documentazione da presentare per richiedere il prestito, è possibile consultare il sito ufficiale del MicroCredito FSE Campania.

Lascia un commento

17 − sei =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.