Napoli, da 8 anni segregata

Donna di 36 anni liberata dalla Polizia nel quartiere Vomero: era tra i rifiuti, malnutrita e in deficit psico-fisico

donna segregata Ansa(di Nando Piantadosi e Ciro Fusco – ANSA.it) NAPOLI – L’hanno trovata in una casa di 120 metri quadrati del Vomero, quartiere “bene” di Napoli, trasformata in una discarica, con immondizia dappertutto, un vero e proprio inferno, dal quale è stata tirata fuori oggi dalla polizia. Chiara G., 36 anni, per otto lunghissimi anni, è stata segregata in un’abitazione di via Luigi Caldieri dalla madre 69enne R.S. – questo dicono le indagini della Questura – che le portava da mangiare appena due volte alla settimana. A scoprire la tragica storia sono stati gli agenti del commissariato Arenella, grazie alla segnalazione di una persona estranea al condominio del civico 141, la quale ha addirittura ipotizzato che la sparizione di Chiara – trovata in evidente stato di malnutrizione e deficit psico-fisico – fosse legata alla sua morte.

Quando poliziotti, 118 e vigili del fuoco sono entrati nell’appartamento hanno trovato la donna a terra, dietro a un divano, rannicchiata e seminuda, tra immondizia ed escrementi, alla ricerca di qualcosa da mangiare. Cercava di riscaldarsi utilizzando un asciugacapelli; le tapparelle di tutte le finestre erano tirate giù e bloccate con dei fermi. Da più di una settimana la madre non le portava il cibo. Neppure la presenza di agenti e sanitari è riuscita a distoglierla dall’affannosa ricerca di qualcosa con cui nutrirsi. Un odore nauseabondo, che si avvertiva già sul pianerottolo, e forse grazie al quale è stata trovata, pervadeva tutte le stanze. La donna è stata trattata con tutta la dolcezza possibile dagli operatori: con lei hanno parlato per più di un’ora, nel tentativo di convincerla ad abbandonare quell’inferno che era diventato la sua casa. La madre, intanto, viveva una vita “normale” in un altro appartamento dello stesso quartiere, a poche centinaia di metri dal lager in cui aveva relegato la figlia. E’ stata rintracciata a casa di un familiare.

Aveva con sé le chiavi dell’appartamento e del tesserino sanitario della figlia. I poliziotti hanno accertato che si recava nell’appartamento una-due volte alla settimana: lasciava sul pavimento delle buste della spesa e poi andava via immediatamente, chiudendo la porta a chiave. Gli agenti del reparto investigativo del commissariato Arenella (guidato dal vice questore Eugenio Marinelli) stanno cercando anche di accertare se l’istituto di igiene mentale fosse a conoscenza della presenza di quella donna in quell’ appartamento. Secondo quanto la madre della donna ha raccontato agli agenti, l’ultima volta che la figlia è stata sottoposta a una visita medica risale a sette anni fa. Quando le è stato chiesto perché non se ne prendesse cura lei ha risposto seccamente: “mia figlia è allergica ai medicinali”. R.S. è stata arrestata con l’accusa di sequestro di persona aggravato e continuato, lesioni personali e maltrattamenti in famiglia, e chiusa nel carcere di Pozzuoli. Altre tre persone sono state denunciate in stato di libertà per favoreggiamento.

“La vicenda che colpisce è che in una zona-bene come il Vomero accadano simili tragedie”: questo il commento di Antonio Mattone, portavoce napoletano della Comunità di Sant’Egidio. “Il fatto che una mamma tratti così la figlia – conclude – vuol dire che il tasso di umanità è sceso a livelli minimi”. “Il sorriso accennato quando è uscita dall’appartamento – dice all’ANSA un poliziotto – ci ha ripagati di tutti gli sforzi fatti”. Una vicina ha raccontato che anni fa, ogni tanto, sentiva i suoi lamenti. Non sentendoli più, qualche tempo dopo, chiese alla madre, un’ex professoressa, dove fosse la figlia: lei le rispose che l’aveva portata dalle suore.

FOTO: tratta da ANSA.it

Lascia un commento