Congresso Cgil, “a Napoli un giovane su due è disoccupato”

Allarme lavoro, preoccupante la situazione in Campania

congresso-cgilNapoli, 12 marzo – Riunitosi a Città della Scienza, il Congresso della Cgil di Napoli ha sottolineato il preoccupante tasso di disoccupazione in Campania, dove “un giovane su due è disoccupato”, migliaia di operai sono in cassa integrazione e molte piccole imprese sono costrette a chiudere l’attività a causa della pesante crisi recessiva.

Il segretario generale Federico Libertino, con buona probabilità rieletto dall’assemblea, ha manifestato l’intenzione di far “ripartire il territorio” ritenendo che “non servono nuove regole sul mercato del lavoro, ma misure che creino occupazione e proposte per far uscire Napoli, la Campania e il Paese dalla crisi”.

L’intento è prevalentemente quello di valorizzare il patrimonio culturale campano e le sue eccellenze, da qui l’invito rivolto alle istituzioni per far sì che la situazione lavorativa non peggiori ulteriormente e siano prese delle decisioni che possano determinare un’inversione di tendenza, considerando che i dati in merito sono “insopportabili e mettono a rischio la tenuta democratica” come sottolineato da Franco Tavella, segretario generale Cgil della Campania.

Libertino ha poi proseguito dichiarando: “Sappiamo che c’è un problema generale legato alla scarsità di risorse e allora proviamo a partire da qui, dalla bonifica di Bagnoli per creare buona occupazione, dalla sicurezza nel le scuole, dall’assetto idrogeologico, dalla valorizzazione delle nostre bellezze a cominciare da Pompei, dalla rigenerazione urbana nel Centro storico, dal rilancio delle periferie a Nord e a Est di Napoli”.

In merito alla bonifica di Bagnoli, a margine dei lavori congressuali il sindaco Luigi de Magistris ha comunicato che la firma degli accordi molto probabilmente slitterà alla settimana prossima, a causa degli impegni governativi degli ultimi giorni riguardanti la legge elettorale. Il sindaco ha infatti dichiarato: “Stiamo lavorando e si stanno limando i testi dell’accordo, ma ormai ci siamo. Per la firma credo sia questione di giorni, ma ciò che è importante è aver raggiunto l’intesa sulla bonifica e la ricostruzione che costituisce un passaggio storico per tutta la città”.

Lascia un commento

quattordici − dieci =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.