Premio Letterario NapoliTime: la ricerca della felicità e l’affermazione della verità

Ilaria Nassa, Salvatore Piedepalumbo e Mario Ascione, gli scrittori a confronto con gli studenti, giovani critici letterari dell’iniziativa culturale del nostro giornale

Nassa- Piedepalumbo-AscioneIncontro vivace e ricco di spunti di riflessioni quello che si è svolto giovedì 13 marzo presso il liceo Arturo Labriola, nel quartiere di Bagnoli, tra studenti e scrittori concorrenti del Premio Letterario NapoliTime.

Ilaria Nassa, con “Nuvole”, Salvatore Piedepalumbo con “I sogni rubati” e Mario Ascione con “Nica e la radice del cedro”, sono stati gli autori ospiti dell’incontro di approfondimento, presentati alla platea composta da studenti ed insegnanti, per illustrare il proprio lavoro e le esperienze personali che li hanno ispirati nella realizzazione del proprio libro.

Altri tre scrittori, tra i nove in gara, si sono ritrovati a confronto con giovani studenti napoletani, incuriositi da questo nuovo approccio alla lettura promosso dal nostro giornale. Si tratta del secondo incontro programmato che conferma le nostre aspettative e ci incoraggia a guardare con entusiasmo al prossimo e ultimo incontro prima della finale.

Abbiamo voluto mettere a confronto due mondi paralleli, quello degli scrittori e quello dei lettori, che grazie al Premio Letterario NapoliTime si incontrano in modo piacevole per conoscersi e apprezzarsi reciprocamente.

Tante le domande che gli studenti hanno rivolto agli ospiti entusiasti del confronto con i giovani lettori. Domande impegnative che hanno sollecitato profonde riflessioni da parte dei presenti, a dimostrazione per noi tutti, di quanto sia forte l’interesse degli studenti in gara.

In questo secondo incontro tra le scuole, la redazione di NapoliTime e gli scrittori si è posto l’attenzione su tre libri apparentemente distanti per contenuti e stili, uniti però da un sottile filo conduttore, un sentimento comune che si è palesato negli interventi di scrittori e studenti. La ricerca della felicità e l’affermazione (e la ricerca) della verità, l’anello di congiunzione tra i tre lavori proposti, argomento che ha suscitato un immediato interesse, catturando l’attenzione dei convenuti. È un percorso introspettivo quello proposto da Nassa, Piedepalumbo e Ascione.

Noi di NapoliTime vi aspettiamo al prossimo incontro con studenti e scrittori, orgogliosi – consentiteci l’espressione – di aver centrato l’obiettivo culturale che ci ha spinti ad intraprendere questo percorso.

Lascia un commento

uno × uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.