Settima giornata di ritorno: il Milan surclassa il Palermo. La Juve frena, il Napoli migliora la classifica.

La giornata calcistica numero ventisette del campionato di serie A, non ha  offerto particolari colpi di scena. Tuttavia, alcuni risultati, permettono ad alcune squadre di muovere la classifica.

Sono 26 le reti messe a segno nel week-end, le analizziamo in ordine. Sabato 3 Marzo, sono stati disputati due incontri, Palermo-Milan e Juventus-Chievo Verona. Allo stadio “Barbera” di Palermo, forte del rientro dopo la squalifica dell’asso svedese Ibrahimovic, il Milan viaggia senza problemi contro la squadra di Mutti, vincendo per 4 reti a zero. In rete tre volte in trentacinque minuti, proprio con il rientrante Zlatan, autore di una splendida tripletta, il Milan realizza la quarta rete con T.Silva nella ripresa.

Allo “Juventus Stadium” di Torino, si è assistito ad un match molto combattuto, con continui capovolgimenti di fronte ed amozioni. La Juventus passa in vantaggio nel primo tempo con De Ceglie; il Chievo di mister Di Carlo, dopo continui attacchi, trova la via del gol con Dramè che è lesto a battere a rete su azione di rimessa.

Le altre partite, si sono disputate nella giornata di Domenica 4 Marzo, con un anticipo alle 12,30, Parma-Napoli; sei incontri alle ore 15,00; un incontro alle ore 18,30 e l’ultimo incontro alle ore 20,45, Inter-Catania.

Nel lunch match del “Tardini” il Napoli si è imposto sul Parma con il risultato di 2 reti ad una, avvicinandosi sempre di più alla zona Champions. Passano in vantaggio gli azzurri con Cavani che ribatte in rete la respinta del portiere sul suo stesso calcio di rigore; nella ripresa il Parma insiste e perviene al pareggio con Zaccardo. Nel finale di gara, il solito Lavezzi chiude il match concludendo alle spalle del portiere Mirante. Sospetta la posizione di Lavezzi al momento del passaggio di Cavani.

Nel derby capitolino, la Lazio di Edy Reja mantiene il ritmo Champions e si impone sulla Roma di Luis Enrique per 2-1. Le reti biancocelesti portano la firma di Hernanes su rigore e Mauri, mentre Borini firma il momentaneo pareggio per i giallorossi.

La Fiorentina batte sul proprio terreno il Cesena e si distacca dalla zona calda della classifica. Le reti viola sono di Moras, autore di un’autorete e di Nastasic. Allo stadio “Via del Mare” di Lecce, si sono affrontate le formazioni di Lecce e Genoa, dando vita ad un bel match. Passa in vantaggio il Genoa con Sculli; rimonta casalinga con Muriel e Brivio; proprio nel finale, lo stesso Sculli regala il pareggio al Genoa, finisce 2-2.

Il Siena si sbarazza della pratica Cagliari, con un rotondo 3-0. I senesi vanno in gol con Bogdani, Calaio e Del Grosso.

Al “Friuli” di Udine, il match tra Udinese ed Atalanta, termina sullo 0-0 e la squadra bianconera avverte la pressione del Napoli che rimonta in classifica.

Nel primo dei due posticipi, il Bologna, giocando in casa, supera non senza difficoltà il Novara di Mondonico per 1-0. Dopo l’errore dal dischetto di Marco Di Vaio nella prima frazione di gioco, i rossoblu vanno in gol con Acquafresca sul finire di gara.

L’ultima gara della giornata, Inter-Catania, regala emozioni e colpi di scena. La squadra siciliana nel primo tempo, si porta sul doppio vantaggio con le reti di Gomez ed Izco. Nella ripresa, si risveglia dal torpore la squadra di Claudio Ranieri, raggiungendo il pareggio con le reti di Forlan e Milito, 2-2 il risultato finale.

Al termine della giornata calcistica, la classifica va così delineandosi: Milan 54 punti, Juventus 51; Lazio 48, Udinese 46, Napoli 43; Roma 38, Inter 37; Catania, Palermo e Chievo V. 34; Atalanta e Genoa 32; Fiorentina, Bologna e Cagliari 31 punti; Siena e Parma 29; Lecce 25; Novara 17 e Cesena 16.

La classifica marcatori, vede Ibrahimovic (Milan) raggiungere Di Natale (Udinese) in testa, con 18 marcature; segue Cavani (Napoli) con 16 gol; Denis (Atalanta) 15 centri; Palacio (Genoa) 14 realizzazioni; Klose (Lazio) e Milito (Inter) a quota 13; Jovetic (Fiorentina) fermo a 12 gol; Miccoli (Palermo) e Calaio (Siena) 11 gol.

La serie A, vede sempre acceso il duello di testa tra Milan e Juve. Si danno battaglia Lazio, Udinese e Napoli per raggiungere il piazzamento Champions. In zona Europa League, ancora aperto il discorso con cinque squadre, Roma, Inter, Catania, Palermo e Chievo, in soli 4 punti. La zona retrocessione si fa sempre più calda per il Lecce; Novara e Cesena, salvo miracoli, sono già con un piede in serie cadetta.

Lascia un commento

dodici + 7 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.