Berlino, nuovo rapporto sul clima: la salute del Pianeta è a rischio

Ridurre le emissioni di gas serra del 50%, triplicare il ricorso alle energie alternative e un rallentamento della crescita economica dello 0,06% del Pil. Questa la ricetta per salvare il pianeta

riscaldamento globaleRoma, 14 aprile – Nella giornata di ieri è stato presentato a Berlino il nuovo rapporto sul clima dall’ Ipcc (Intergovernmental Panel on Climate Change).

Dal report viene fuori un’urgenza estrema di cambiare rotta, se vogliamo garantire un futuro a noi stessi e alle generazioni future. L’urgenza è quella di limitare il riscaldamento del pianeta a 2° fino al 2050, se non vogliamo che il clima impazzisca portando a delle conseguenze estreme. Ma per mantenere quest’impegno dovremmo tagliare le emissioni di gas serra almeno del 50%, obiettivo non semplice da raggiungere se si considera che tra il 2000 e il 2010 le emissioni sono aumentate in misura di gran lunga superiore rispetto ai tre decenni passati. Se continuasse questo trend, la temperatura potrebbe avere un aumento di quasi 5° entro il 2100, scenario considerato catastrofico dagli esperti.

Per raggiungere, quindi, quest’obiettivo e salvaguardare la salute del nostro pianeta, il primo step da compiere è quello di limitare l’utilizzo dei combustibili fossili, triplicando il ricorso alle energie alternative. Più si indugerà nel compiere questo passaggio, più lontano diverrà l’obiettivo dei 2°.

Per quanto riguarda il costo di questo programma, si parla dello 0,06% del Pil mondiale. Dichiara Ottmar Edenhofer, uno dei tre coopresidenti del panel: “Il mondo non è chiamato a sacrificare la crescita economica per salvare l’ambiente: è un ritardo della crescita economica pari allo 0,06% annuo del Pil, ma non è un sacrificio”. Dal calcolo dei costi sono stati esclusi i benefici derivanti dal contenimento del riscaldamento globale, che arginerebbe il verificarsi di fenomeni estremi e le conseguenti riparazioni. Questo si tradurrebbe in un’ulteriore riduzione dei costi.

Una spesa ragionevole se si tratta di salvare, riprendendo l’espressione di Al Gore, la nostra unica casa.

Lascia un commento

3 + diciannove =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.