Annegato a Napoli, forse travolto da onda

Ma inquirenti Capitaneria di porto non escludono nessuna pista

mare in tempesta(ANSA) – NAPOLI, 27 APR – Forse una forte ondata lo ha travolto mentre si trovava sugli scogli a guardare il mare in tempesta. E’ questa una delle ipotesi – ma non si escludono altre piste – sulla quale stanno lavorando gli uomini della Capitaneria di porto di Napoli per accertare le cause della morte di Angelo Mazza, il giovane di 26 anni, originario di Grumo Nevano, nel Napoletano, il cui corpo è stato recuperato nelle acque antistanti il largo Sermoneta.

Lascia un commento

sette + dieci =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.