E’ tempo di jazz al Museo del Sottosuolo di Napoli

Ameen Saleem, Sullivan Fortner ed il nostrano Leonardo De Lorenzo, sabato 3 maggio alle ore 22.00 al Museo del Sottosuolo di Napoli con ingresso da piazza Cavour, 140

aleemQuelle del jazz e del soul che trovano nelle viscere della terra partenopea un momento di intenso dialogo.

Infatti saliranno sul palco Ameen Saleem al contrabbasso, Sullivan Fortner al pianoforte (finalista per l’ American Pianists Association’s Jazz Fellowship Awards) ed il nostrano e plurisfaccettato Leonardo De Lorenzo alla batteria.

Quest’alchimia di note ci condurrà in un universo fatto di sonorità jazz – soul, in una sapiente fusione tra atmosfere classiche e contemporanee.

Protagonista la creatività all’origine di brani originali a composizioni estemporanee che prendono spunto da idee musicali non esclusivamente jazzistiche.

L’incontro tra anima jazz e soul avviene dapprima nella big band di Roy Hargrove. Ne nasce non solo una bella amicizia ma soprattutto un sodalizio musicale che affonda le sue radici in un background comune.

Nei brani di Ameen e Sullivan si snoda un percorso non solo professionale ed artistico ma anche personale.

Infatti, nelle composizioni prendono corpo i ricordi d’infanzia, le corse ed i giochi di bambini.

Questi frammenti di vita attraverso il dialogo in musica e l’improvvisazione si vestono di jazz, fino ad arrivare alla creazione delle composizioni strutturate della loro maturità artistica.

Perché, come dice Sonny Rollins: “ Il Jazz è quella musica che comprende diversi linguaggi musicali e resta sempre Jazz”.

L’appuntamento, testa di ponte tra Napoli e gli Usa sarà arricchito dalla possibilità di gustare un calice di vino pregiato, accompagnato da stuzzicchini.

Lascia un commento