Capone & BungtBangt presentano il nuovo singolo: “Napule simme nuje” [Video]

Il capobranco è Maurizio Capone. Con la sua Band diffonde suoni a 8 bit della realtà quotidiana.

Napule simme nujeVideo ufficiale del nuovo singolo NAPULE SIMME NUJE, realizzato da Mediaintegrati, gli studenti della Scuola di Nuove Tecnologie dell’Arte dell’Accademia di Belle Arti di Napoli.

Ospiti: James Senese, Cecilia Donadio, Cristina Donadio, Marzio Honorato, Germano Bellavia, le Mamme Vulcaniche, Gianni Simioli, i ragazzi del Laboratorio Permanente della 219 di Pomigliano d’Arco, i ragazzi di Vivi Basket, Kayak Napoli e tantissimi cittadini che hanno voluto partecipare.

Mr Paradais, il valorista. Ruolo: bassista, polistrumentista. Baffo da maschio latino, ma follemente innamorato di sua figlia e della sua compagna. Maestro Zannella, il taciturno. Su un palco da quando aveva 3 anni. Parla solo in “buatterese”, suono emesso dalla “buatteria”, batteria fatta di bidoni e grattugie. Il Rosso, l’adrenalinico. Ruolo: percussionista, tastierista. Iperattivo, inventore dello “zinghi zinghi”, strumento con cui fa il solletico a chiunque si addormenti durante i tour. Capone, lo sciamano. Ruolo: cantante, compositore e polistrumentista. Uomo animale forgiato da principi di uguaglianza, antirazzismo e condivisione post sessantottini, naturalmente predisposto all’anarchia. Questi sono i quattro dell’Ave Maria, anzi della Capone & Bungt Bangt. Banda, anzi, branco musicale distaccato dal mondo comune e dalle sue regole.

Il capobranco è Maurizio Capone. Con la sua Band diffonde suoni a 8 bit della realtà quotidiana. Attraverso i suoi strumenti riesce a esprimere musica a contatto con la natura. Insieme suonano strumenti non convenzionali, come il Tubolophon, creato con pezzi di grondaia tagliati per formare le diverse note, che sostituisce il basso; la Mazzimba, una marimba fatta con pezzi di battiscopa, in sostituzione delle tastiere; la Scopa Elettrica, una comune scopa con un elastico da sarta come corda, al posto della chitarra; la Buatteria, formata da recipienti di vari materiali, come batteria. E tanti, tanti altri ancora. Il sound che esprimono è unico, un riciclo creativo di origine industriale, minimalista, ma denso e vitale come la natura.

Tutto ha origine grazie alla nonna di Maurizio Capone: costruiva bambole a costo zero, con materiali e oggetti normalmente destinati alla pattumiera. Ci siamo chiesti per quale motivo la nonna costruisse bambole per il futuro frontman della Capone & BungtBangt. E così abbiamo girato questa e altre domande direttamente a lui. Continua »

Testo:
mo me so scetato eh
mo me so scetato eh
mo me so scetato eh
mo me so scetato eh

Napule now you catch a fire
Napule simme nuje
Napule now you catch a fire
Napule simme nuje
Napule now you catch a fire
Napule simme nuje
Napule now you catch a fire
Napule simme nuje

Napule s’è appicciata
Napule sta arraggiata
Napule nun tene niente a vedè
e va annaze pure si stanne ‘e guaje

Napule now you catch a fire

Napule sotto e ngoppa
Napule chi a vò morta
Napule chist’ è ‘o munento e scassa
e ‘o arrevuto o putimme fa sulamente nuje

se po fa e s’adda fa
pecché Napule simme nuje
Napule simme nuje
se po fa e mo s’adda fa
pecché Napule simme nuje
Napule simme nuje

s’adda dicere comm’è juto
chi ha tradito e chi c’ha vennuto
primavera nunn è fernuta
pecché nuje stamm ancora cca

mo me so scetato eh
mo me so scetato eh
mo me so scetato eh
mo me so scetato eh

napule s’è scetata
napule nun tene niente a vedè
e va annazo pure si stann’ e guaje

we got to move and never stop
got to move and never stop
Napule simme nuje
Napule simme nuje
got to move and never stop
got to move and never stop
se po fa e s’adda fa
we got to move and never stop
got to move and never stop
se po fa e s’adda fa
Napule simme nuje

Napule catch a fire!

Lascia un commento

6 + 17 =