Area archeologica di Paestum: dire il fatidico sì in un tempio diventa possibile

Nuove proposte al fine di valorizzare il territorio e ricavare risorse utili per Comune e Soprintendenza.

PAESTUM-nottePaestum – Tra le idee innovative per la promozione della cultura, del territorio e del turismo, quella di Luciano Farro, presidente della Commissione consiliare Statuto e Regolamento del Comune di Capaccio-Paestum, è tra le più interessanti.

Il presidente ha lanciato l’idea di dare la possibilità alle coppie prossime al matrimonio di svolgere la cerimonia all’interno dell’area archeologica di Paestum.

La proposta di Farro dovrà essere vagliata dalla Soprintendenza ai Beni Archeologici. L’idea di svolgere il rito nuziale nella suddetta zona archeologica, location rinomata e conosciuta in tutto il mondo, secondo il presidente della Commissione, darebbe al sito archeologico ancora più importanza e prestigio. I giovani sposi potrebbero scegliere in che area degli scavi svolgere il proprio matrimonio, pronunciando la promessa nuziale in un luogo incantato come il Tempio di Cerere o nella Basilicata, o ancora nel Tempio di Nettuno.

Sposarsi in una zona con un’importanza storica così grande comporterebbe in realtà dei costi considerevoli per i novelli sposi, risorse che verrebbero investite a livello comunale. Si immagina che un sito con tanto prestigio, verrebbe selezionato anche da coppie famose, promuovendo ulteriormente il territorio.

Lascia un commento

sedici + dodici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.