Inaugurazione dell’ “Antico rettilario” dello zoo di Napoli

Inaugurazione prevista per il 2 giugno alle ore 11,30

rettilario zooNapoli, 2 giugno – Dalle ore 11,30 si visiterà il nuovo Antico Rettilario dello Zoo di Napoli, dopo una attenta ristrutturazione ed il fedele ripristino della struttura originaria edificata nel 1940 per la stessa destinazione finale, ma abbandonata da venti anni ad un lento degrado.

Fu l’architetto Luigi Piccinato a progettare all’interno dell’area destinata al Giardino Zoologico le strutture oggi tutelate dalla Sovrintendenza come anche “il padiglione per i rettili caratterizato da una galleria centrale pilastrata affacciantesi, da un lato, sull’area destinata agli alligatori, coperta da una semivolta traslucida e, dall’altro lato, su una sequenza di piccoli ambienti illuminati da luce artificiale ospitanti varie specie di serpenti e riproducenti, a ognuno di essi, un diverso microclima”.

Così rinasce il Rettilario e da antico, si impreziosisce di nuova tecnologia, con temperature, umidità e luminosità differenti a seconda della tipologia e del luogo di provenienza degli animali, con ambienti dedicati e studiati anche nella scelta della vegetazione più idonea alle diverse specie di rettili, in particolare per il Boa Constrictor Imperator, il Morella Spilota, l’Eunectes Notaeus e poi il Basiliscus Pluriforms, il Mesoclemmys Nasuta, il Gerrhosaurus Nigrolineatus, che abiteranno la struttura. Oltre alla Cyclura Cornuta che momentaneamente sarà ammirata nell’area con laghetto del rettilario destinata agli alligatori, che in un futuro prossimo si riapproprieranno del loro habitat.

Il progetto del nuovo Zoo di Napoli, non si è mai fermato, giungendo oggi ad un importante traguardo, tra i tanti in programma. Infatti, lo zoo oltre ad essere aperto tutti i giorni compresa la domenica, dalle ore 9 al tramonto, nonostante i lavori in corso (come della zona fattoria che è in dirittura d’arrivo) sta attuando una trasformazione impegnativa degli 80000 mq, tesi a renderlo luogo ideale per le famiglie dove trascorrere il tempo libero, grazie anche alla lussureggiante vegetazione, in parte esotica.

Lascia un commento