Arcigay Napoli interviene nel dibattito con il cardinale Sepe 

COMUNICATO STAMPA
Arcigay-napoliAntonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli, risponde al cardinale Crescenzio Sepe in merito alle polemiche per la promessa del sindaco di trascrivere i matrimoni contratti all’estero tra persone dello stesso sesso residenti in città.
“Come è possibile paragonare proprio nel giorno della festa della Repubblica, azioni che attuano la nostra Costituzione e riconoscono finalmente la dignità di molti cittadini e delle loro famiglie con la manutenzione stradale?”, afferma Sannino, “E’ come se Sepe non riuscisse ad avere il peso delle cose ed a riconoscere che il gesto del sindaco non toglie nulla ed anzi aggiunge valore alla nostra comunità. Investire nella felicità delle persone e nella piena uguaglianza tra queste non ha alcun costo. L’espansione dei diritti a tutte e tutti è una priorità assoluta e farebbe molto bene al Paese, non è un caso che i luoghi e le città più vivibili sono anche quelle che riconoscono pieni diritti civili e sociali ed investono sulla felicità delle persone. Il cardinale Sepe e la Chiesa ci dicessero piuttosto come utilizzano i ricavi provenienti dall’8×1000. Pagati dallo stato italiano, quando oltre il 50% dei giovani al Sud non lavora, il cardinale e la chiesa hanno altri buchi, anzi voragini, da dover colmare”.

Lascia un commento