Ballottaggio Amministrative, rivincita dei partiti di centro-destra

Al voto 139 comuni, Livorno va al M5S

amministrative9 giugno – Dopo il trionfo europeo, che ha visto il centro-sinistra vero trionfatore della scena nazionale, ora il partito di Matteo Renzi ha dovuto fare i conti con una realtà divisa ed instabile. Le Elezioni Amministrative, cioè quelle per eleggere il Sindaco, si sono tenute in 139 comuni ed hanno reso una piccola rivincita ai partiti di centro-destra, oltre che al Movimento 5 Stelle.

Per la prima volta nella storia Livorno, storica roccaforte di sinistra e social-comunista, cade nelle mani dei grillini che si aggiudicano uno dei comuni più importanti. Al ballottaggio livornese scende la quota di affluenza e trionfa il partito di Beppe Grillo. Si arresta così la macchina schiacciasassi del Partito Democratico.

Non perde tempo nemmeno il centro-destra che grazie alla guida di Fratelli d’Italia conquista con un blitzkrieg, degno dei grandi generali dell’Europa del XX secolo, si aggiudica il ballottaggio col candidato di sinistra a Padova. Anche Potenza viene strappata al Partito Democratico ancora una volta per mano di Fratelli d’Italia.

Chi però pensa ad un disastro in questa tornata elettorale deve fare i conti con l’oste. Il centrosinistra perde anche Perugia, importante capoluogo di regione da sempre fedelissimo agli ideali del movimento operaio, ma non ne fa un dramma perché riesce a tenersi stretto Modena. Al ballottaggio, infatti, Giancarlo Muzzarelli (Pd) sbaraglia l’avversario del movimento grillino. Confermate per il Pd anche Terni e Bari, in più quasi tutte le piccole comunità del centro-nord chiamate al voto. Bergamo, Biella, Cremona, Verbania, Pescara, Vercelli, Pavia. Il partito di Renzi si prende anche Foggia ed ottiene così più dei 2/3 dei comuni in ballo per queste amministrative.

La Campania non si conferma roccaforte del centrodestra, in controtendenza con le ultime europee. Nei 14 comuni in cui si è votato soltanto in 5 ha vinto il centrodestra in ballottaggio con quasi sempre con il Nuovo Centro Destra. Per i partiti di destra conquistata Nola e Torre del Greco, mentre sbanca letteralmente Lista Civica che ottiene la bellezza di 5 comuni tra cui Pompei e Nocera Superiore. Vanno a sinistra le rimanenti 4 tra cui Castel Volturno e Marigliano.

Vietato parlare d’insuccesso anche se nel primo turno l’affluenza era stata del 70,6%, ridotta di oltre 20 punti percentuali al ballottaggio che ha visto poi un’affluenza del 49,5 %. Una tornata elettorale proficua che ha messo in evidenza, in contrapposizione, lo scarso interesse degli italiani per la politica, soprattutto quella locale. Sono soprattutto i delusi grillini a non votare più, oltre che ai fedelissimi di Silvio Berlusconi, la maggior parte del paese si astiene ed il centrosinistra continua a trionfare. Se infatti in questa tornata elettorale, si è stati vittime di un’eccessivo lassismo, è pur vero che nei momenti di difficoltà il popolo diviso si riaffida alle idee di sinistra che stravince per quantità anche se manca, comunque sempre, un consenso importante che è quello delle città più popolate.

Lascia un commento

tre × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.