Italia Mundial: lezioni di calcio all’Inghilterra. Ora Italia – Costa Rica vale il primato

Cronaca del big match con l’Inghilterra. “Loro lo hanno inventato, noi lo insegniamo al mondo”.

Matteo DarmianBrasile, 15 giugno – “E’ stata una partita epica, un risultato incredibile che forse ricorderemo per sempre”, ne è sicuro Cesare Prandelli che ha commentato così il post partita tra Italia ed Inghilterra. In questi casi come si diceva negli anni ’90: “Loro lo hanno inventato, noi lo insegniamo al mondo”. Un motto valido e d’attualità perché gli azzurri schiacciano la nazionale di sua maestà con un 2-1 che sa di beffa e che, probabilmente, non rispecchia nemmeno il giusto risultato.

Meritava un po’ di più l’Inghilterra di Roy Hodgson, che con le due frecce Sturridge e Welbeck ha rischiato di far passare una brutta serata agli azzurri. Ancora problemi di formazione per il ct azzurro che, dopo aver perso Montolivo prima della partenza, ha dovuto far a meno anche Mattia De Sciglio, guaio muscolare poco prima dell’esordio, ma anche del capitano Gianluigi Buffon, distorsione alla caviglia. E’ comunque una nazionale prudente quella scesa in campo a Manause con Giorgio Chiellini dirottato a sinistra come terzino e Gabriel Paletta centrale insieme ad Andrea Barzagli. La vera rivelazione, migliore in campo per tutti i più grandi quotidiani sportivi, è Matteo Darmian, in forza al Torino. La poca fiducia di Prandelli per Abate è un campanello d’allarme importante, perché se uno dei centrali più forti della nazionale viene spostato a sinistra allora significa che qualcosa nei conti non torna.

Centrocampo foltissimo senza Thiago Motta ma con un Marco Verratti in versione doppio play con Andrea Pirlo, spostato a sinistra Claudio Marchisio ed Antonio Candreva a destra. Daniele De Rossi protegge la difesa, come ha fatto nella Roma, da centrale quasi aggiunto e Salvatore Sirigu, uno degli eroi della serata, sostituisce Buffon. Mario Balotelli è unica punta di questo assetto, ed uno dei migliori, perché grazie al suo gioco di sponda tutto fisico fa salire la squadra in maniera esemplare. “Deve ancora imparare i movimenti giusti da punta centrale – così Prandelli sprona Balotelli a fare ancora meglio, mai contento di lui perché sa che, potenzialmente, potrebbe essere il migliore del mondo. Con le potenzialità che ha deve fare di più, ma migliora a vista d’occhio”.

Intanto l’Italia si gioca una partita quasi perfetta: in difesa trema perché Paletta non ingrana e Chiellini fuori ruolo sale in ritardo senza dare qualità alla spinta. Barzagli e Sirigu fanno miracoli per la prima mezz’ora e Marchisio ricompensa tutti raccogliendo un gran velo di Pirlo batte Hart dalla distanza. La reazione inglese è repentina e Sturridge zittisce tutti a fine primo tempo. Comincia rabbiosa, ma frustrata, l’Inghilterra nel secondo tempo: Chiellini si lavora per bene Sturridge e lo lascia a terra per almeno 5 minuti. Quando riparte l’Italia fa male con Candreva che finta il cross col destro, rientra sul sinistro e pennella un cross per Balotelli che di testa non si fa pregare: 2-1 e l’Italia vola a +3: soffre e resiste all’Inghilterra, sfiora il 3-1 con un capolavoro di Pirlo che coglie la traversa. Insomma azzurri convincenti nonostante qualche lacuna di troppo in difesa.

Ora Inghilterra – Uruguay è già uno “spareggio speranza” grazie al 3-1 inferto dal Costa Rica alla nazionale di Edison Cavani, suo l’unico gol su rigore. Fa impressione vedere il Costa Rica primo e l’Italia seconda entrambe a 3 punti e già venerdì potrebbe essere scontro diretto per il primato giocato a viso aperto per non rischiare di essere agguantati da Uruguay o Inghilterra. Intanto Prandelli suona la carica: “A Coverciano abbiamo lavorato benissimo e si è visto oggi. Inglesi già con i crampi mentre noi eravamo ancora tonici e concentrati, questa è la gratificazione più grande”.

Pagelle: Sirigu 7,5, Chiellini 6, Paletta 6, Barzagli 7,5, Darmian 8, De Rossi 6,5, Verratti 6,5 (Thiago Motta 6,5) Pirlo 7, Marchisio 7, Candreva 7(Parolo 6,5), Balotelli 7,5 (Immobile 6)

Lascia un commento