Come si spende il denaro pubblico: lo chiediamo all’assessore Donati ed al Sindaco De Magistris.

Ci è giunta questa mattina in redazione, la segnalazione di un cittadino – Luigi Contessa – in merito alla segnaletica posizionata all’interno della Galleria di Piedigrotta a Napoli. In questo tratto di strada sono stati posizionati 12 segnali stradali uno per lato che vietano la sosta in entrambi i lati della carreggiata e limitano la velocità.

I cartelli stradali, all’interno della galleria, sono stati collocati ogni 20 metri del percorso. Inoltre sul tratto stradale in galleria, è stata posta la segnaletica orizzontale che indica la direzione di marcia pur non essendoci alcuna deviazione stradale trattandosi di un tratto a senso unico e perfettamente dritto. Lo stesso vale per Viale Augusto con segnaletica ripetuta ed istallata da poco.

Secondo quanto menzionato nell’ Art. 81 (Art. 39 Cod. str.) l’ installazione dei segnali verticali riporta le seguenti norme inviolabili:

1. I segnali verticali sono installati, di norma, sul lato destro della strada. Possono essere ripetuti sul lato sinistro ovvero installati su isole spartitraffico o al di sopra della carreggiata, quando e’ necessario per motivi di sicurezza ovvero previsto dalle norme specifiche relative alle singole categorie di segnali.

2. I segnali da ubicare sul lato della sede stradale (segnali laterali) devono avere il bordo verticale interno a distanza non inferiore a 0,30 m e non superiore a 1,00 m dal ciglio del marciapiede o dal bordo esterno della banchina. Distanze inferiori, purchè il segnale non sporga sulla carreggiata, sono ammesse in caso di limitazione di spazio. I sostegni verticali dei segnali devono essere collocati a distanza non inferiore a 0,50 m dal ciglio del marciapiede o dal bordo esterno della banchina; in presenza di barriere i sostegni possono essere ubicati all’esterno e a ridosso elle barriere medesime, purchè non si determinino sporgenze rispetto alle stesse.

Ora si pone una domanda più che lecita: il Comune di Napoli ha istallato tale segnaletica seguendo un criterio poco logico, oppure non è stato tenuto conto delle distanze a causa della eccessiva prudenza? Secondo il parere del Sig. Contessa si tratta di spreco di denaro pubblico. Chiediamo all’assessore Anna Donati ed al sindaco Luigi De Magistris che si effettuino nel più breve tempo possibile, dei controlli in merito al caso.

5 thoughts on “Come si spende il denaro pubblico: lo chiediamo all’assessore Donati ed al Sindaco De Magistris.

  1. Bhe che dire,mi viene in mente una scena di un film di Totò,in cui il principe De Curtis dettando la lettera a Peppino De Filippo da inviare al nipote studente a Milano,stanco del fatto che Peppino lo richiamasse sempre perchè riteneva sbagliata la punteggiatura,esclamò:ma si,abbondiamo,un punto,due punti punto e virgola,che poi dicono che siamo poveri,siamo napoletani..Ecco,una volta che abbiamo qualche cartello stradale in più e vogliamo abbondare,noi cosa facciamo?troviamo il pelo nel uovo?ma si,un cartello, due cartelli, a0,30 a0,50 a1,00..abbondiamo e non badiamo a regole che poi dicono..che non siamo napoletani ;-).A parte l’ironia trovo la segnalazione poco rilevante,tuttavia andrebbe segnalata la cattiva segnalazione della restrizione della carreggiata per chi arriva da piedi grotta,al momento di entrare in galleria.Grazie.

    1. Caro Giovanni, di errori se ne fanno e se ne faranno anche moltissimi, sempre che di errore si tratta. L’importante è verificare, fare subito chiarezza del caso. Grazie per il commento. 🙂

    2. Visto che sono l’autore della segnalazione, mi preme fare una precisazione per evitare che la stessa venga strumentalizzata.
      Sono un sostenitore del Sindaco e della giunta fermamente convinto che la strada intrapresa sia quella giusta nonostante si commettano anche degli errori (la perfezione non è dell’uomo).
      In questo caso la mia segnalazione ha come unico scopo quello di sottoporre il problema all’attenzione del Sindaco e della Donati (impegnati su cose molto più importanti di questa). Probabilmente c’è qualcuno che non sta facendo a dovere il suo lavoro. Spesso si dimentica che questa giunta si è trovata a governare una macchina complessa e molto “guasta” ed è irragionevole pensare che in 9 mesi la si possa aggiustare. Le somme si potranno tirare alla fine del mandato, ciò non significa che se qualcosa non va non bisogna segnalarla, basta farlo in un’ottica costruttiva e non strumentale.
      A coloro che dicono “vabbè che vuoi che siano 20 cartelli in più” voglio ricordare che:
      1) il costo di un cartello + installazione è di circa 150 euro X 20 =3000, si può pagare il gasolio per un anno per due pulmini scolastici. Se non si trattasse di un caso isolato immaginate a quanto potrebbe ammontare lo spreco;
      2) la segnaletica in eccesso confonde e in alcuni casi induce l’automobilista ad ignorarla;
      3) stamattina alcuni segnali (ma non i pali) non c’erano, rimossi o rubati?
      Tutto qua.
      P.S. Forza deMa!!!!!!

      1. Complimenti ancora Sig. Contessa, chissà perchè non si può essere in primo luogo Cittadini e poi Tifosi! Una segnalazione di una cosa che non funziona o che non quadra non ci da e non ci deve dare una casacca o una etichetta. E’ segnale di inciviltà pensarla diversamente.

  2. Bhe che dire,mi viene in mente una scena di un film di Totò,in cui il principe De Curtis dettando la lettera a Peppino De Filippo da inviare al nipote studente a Milano,stanco del fatto che Peppino lo richiamasse sempre perchè riteneva sbagliata la punteggiatura,esclamò:ma si,abbondiamo,un punto,due punti punto e virgola,che poi dicono che siamo poveri,siamo napoletani..Ecco,una volta che abbiamo qualche cartello stradale in più e vogliamo abbondare,noi cosa facciamo?troviamo il pelo nel uovo?ma si,un cartello, due cartelli, a0,30 a0,50 a1,00..abbondiamo e non badiamo a regole che poi dicono..che non siamo napoletani ;-).A parte l’ironia trovo la segnalazione poco rilevante,tuttavia andrebbe segnalata la cattiva segnalazione della restrizione della carreggiata per chi arriva da piedi grotta,al momento di entrare in galleria.Grazie.

    1. Caro Giovanni, di errori se ne fanno e se ne faranno anche moltissimi, sempre che di errore si tratta. L’importante è verificare, fare subito chiarezza del caso. Grazie per il commento. 🙂

    2. Visto che sono l’autore della segnalazione, mi preme fare una precisazione per evitare che la stessa venga strumentalizzata.
      Sono un sostenitore del Sindaco e della giunta fermamente convinto che la strada intrapresa sia quella giusta nonostante si commettano anche degli errori (la perfezione non è dell’uomo).
      In questo caso la mia segnalazione ha come unico scopo quello di sottoporre il problema all’attenzione del Sindaco e della Donati (impegnati su cose molto più importanti di questa). Probabilmente c’è qualcuno che non sta facendo a dovere il suo lavoro. Spesso si dimentica che questa giunta si è trovata a governare una macchina complessa e molto “guasta” ed è irragionevole pensare che in 9 mesi la si possa aggiustare. Le somme si potranno tirare alla fine del mandato, ciò non significa che se qualcosa non va non bisogna segnalarla, basta farlo in un’ottica costruttiva e non strumentale.
      A coloro che dicono “vabbè che vuoi che siano 20 cartelli in più” voglio ricordare che:
      1) il costo di un cartello + installazione è di circa 150 euro X 20 =3000, si può pagare il gasolio per un anno per due pulmini scolastici. Se non si trattasse di un caso isolato immaginate a quanto potrebbe ammontare lo spreco;
      2) la segnaletica in eccesso confonde e in alcuni casi induce l’automobilista ad ignorarla;
      3) stamattina alcuni segnali (ma non i pali) non c’erano, rimossi o rubati?
      Tutto qua.
      P.S. Forza deMa!!!!!!

      1. Complimenti ancora Sig. Contessa, chissà perchè non si può essere in primo luogo Cittadini e poi Tifosi! Una segnalazione di una cosa che non funziona o che non quadra non ci da e non ci deve dare una casacca o una etichetta. E’ segnale di inciviltà pensarla diversamente.

Lascia un commento

10 − due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.