Brasile 2014: Azzurri irriconoscibili battuti da un modesto Costa Rica

La qualificazione si deciderà nella terza partita del girone contro l’Uruguay.

tifosi costa ricaBrasile, 20 giugno – Italia sconfitta 1-0 per mano della Costa Rica. È stata un partita sofferta dall’inizio alla fine. Gli azzurri non sono stati capaci di portare a casa i 3 punti che avrebbero assicurato il passaggio agli ottavi di finale.

Primo tempo in attesa. Durante  i primi 25 minuti  di gioco è stata un’Italia molto difensiva; De Rossi davanti alla difesa è stato spesso in linea con Barzagli e Chiellini. Abate poco efficace sulla fascia destra non è riuscito a rendersi utile per la propria squadra. Darmian un po’ sprecato a sinistra, dove non è riuscito a salire in cattedra come nella sfida contro l’Inghilterra.  Thiago Motta non rende  operosa la sua presenza in campo. Verso il trentesimo l’Italia decide di mostrarsi anche nella metà campo avversaria e con due colpi di genio di Andrea Pirlo sfiora due goal ma Mario Balotelli spreca. Candreva stanco sul piano fisico non riesce a guadagnare mai il fondo del campo per crossare. I sudamericani si dimostrano molto più veloci e cinici degli azzurri. Nonostante la difesa italiana riesca inizialmente a controllare l’attacco avversario, sull’ennesimo cross di Diaz, Ruiz porta la propria squadra in vantaggio.

Nel secondo tempo il Ct della nazionale, Cesare Prandelli, decide che è giunto il momento di attuare dei cambi; Cassano rileva un impalpabile Thiago Motta mentre  Lorenzo Insigne sostituisce  Candreva. I due nuovi entrati non riescono, però, a imporre le proprie doti in mezzo al campo. Italia sempre bloccata dalla difesa della Costa Rica e rischia anche la totale dipartita su un  veloce contropiede di Campbell. Ben arginato da Chiellini. L’inizio della ripresa è caratterizzato anche da un possibile fallo in area su Balotelli che avrebbe potuto riaprire il match con un penalty ma l’arbitro, come aveva fatto nel primo tempo, lascia correre.

Nel complesso anche nella seconda fase della partita gli azzurri non si rendono quasi mai pericolosi, attaccanti spesso in fuorigioco e possesso di palla inefficace. La qualificazione è ora messa in discussione perché la Costa Rica non solo strappa il primato ma si conferma formazione temibile.

L’analisi tattica del match impone alcune riflessioni sulla sbandata degli azzurri. Centrocampo molto folto ma stanco ed impreciso: De Rossi lontano dalla migliore condizione, T. Motta completamente spaesato e privo di iniziativa. Non si capisce l’idea di voler escludere Verratti e neppure quella di Prandelli di sostituire Marchisio con Cerci. Sebbene, difatti, il torinista sia stato l’unico a cambiare qualcosa nel momento dell’ingresso in campo non si capisce come mai soltanto nel finale. Cassano è lontano parente di quello ammirato col Parma e lo stesso vale per Insigne, al quale è stata data una fiducia malriposta.
Tutta l’Italia aspetta ora la sfida decisiva contro l’Uruguay

Pagelle: Buffon 6, Abate 5, Chiellini 6, Barzagli 6, Darmian 6, De Rossi 4,5, Pirlo 6,5, Marchisio 6,5(Cerci 6), Candreva 5(Insigne 5), Thiago Motta 4,5(Cassano 5),  Balotelli 4.

Lascia un commento