Presentato il libro Bateau Mouche di Abatino e Lipariti

Conferenza stampa di presentazione del libro. L’intervento dell’assessore alla cultura Nino Daniele: “E il mare ricomincia a bagnare Napoli”

Bateau-MoucheNapoli, 5 luglio – Al Caffè Gambrinus, lo scrittore Elio Abatino ha presentato il libro “Bateau Mouche. Minicrociera nel golfo di Napoli”, edito da Daniele Minopoli. Sono intervenuti: l’assessore alla cultura, Nino Daniele, il consigliere comunale, Carmine Attanasio e Salvatore Lauro, Presidente di Alilauro.

Il libro, scritto da Elio Abatino e Maria Teresa Lipariti dà una descrizione soprattutto storica dei luoghi che si possono ammirare dal Bateau. Trentanove immagini seguite da aneddoti esaltano il percorso del giro turistico promosso da Carmine Attanasio e Nino Daniele e realizzato grazie alla disponibilità di Salvatore Lauro. Un’attrattiva a costo zero per l’amministrazione comunale. L’iniziativa, partita in maniera definitiva il 2 maggio di quest’anno consente un tour panoramico lungo il golfo di Napoli, da Castel dell’Ovo fino a Posillipo. Quindici corse a settimana. Il prezzo di 6,50 per gli adulti è forse un tantino eccessivo se rapportato al servizio che finora il Bateau è in grado di offrire, ma ci diciamo speranzosi.

A fare da moderatore, Carmine Attanasio, il quale, dopo aver sottolineato il successo dell’iniziativa e avere espresso soddisfazione  per aver dato “un’immagine diversa della città”, ha lasciato la parola al Senatore Lauro. Quest’ultimo, in poche battute, ha evidenziato la volontà di Alilauro di offrire servizi sempre più innovativi e tecnologicamente avanzati.  Ha aggiunto, inoltre, che prezzo e qualità devono andare di pari passo. C’è bisogno di più persone.  “Ora è il momento di lavorare in sinergia”, ha detto il senatore, “Si faccia sistema e si dia al turista la possibilità di vivere la città come se fosse casa propria”.                                                     

Evidentemente emozionato il giovane editore, Daniele Minopoli che ha detto di aver pubblicato il libro di Abatino per “sostenere la nostra città”. Ringrazia i presenti Elio Abatino, autore del libro. Abatino sottolinea l’unicità del paesaggio campano, diviso tra bellezze naturali e bellezze prodotte dall’uomo nella storia trimillenaria di civilizzazione di questa città.

“Napoli, miniera inesauribile di fascino e attrazioni”, esordisce così l’assessore alla cultura, Nino Daniele, il quale ricorda come “parlare del mare significhi parlare di Napoli stessa”. L’assessore ha inoltre portato a modello il lavoro di tutela appassionata dei giovani ricercatori grazie ai quali la Gaiola ha ripreso la  propria configurazione naturale ed è diventata  “un pezzo di Mediterraneo vivo”. Valorizzare il mare come elemento identitario della comunità partenopea.

Un obiettivo che il professor Abatino porta avanti da anni. Non si può pensare al futuro di Napoli se non si pensa al mare. L’assessore Daniele ha infine concluso il suo intervento con dati incoraggianti e ha sottolineato, come, a poco a poco, la città stia uscendo dalla buia notte provocata dall’emergenza rifiuti del  2011.  “Da qualche mese la città di Napoli vive una significativa ripresa del turismo. Nel mese di maggio gli alberghi hanno avuto sold-out. Ne “Il maggio dei monumenti”  abbiamo rivisto le file davanti i luoghi di cultura, cosa che non si vedeva da tempo. È un premio per tutti quelli che nel corso degli anni hanno lavorato e resistito.” Queste le parole dell’assessore.  “Il mare ricomincia a bagnare Napoli”.

Lascia un commento