Pascale annuncia il suo tesseramento ad Arcigay Napoli. I-Ken Campania lancia l’iniziativa “Boicott Francesca Pascale la madrina dei Gay”

Parte il tesseramento con l’obiettivo di colmare il vuoto legislativo e i-Ken Campania va all’attacco

francesca pascaleNapoli, 8 luglio – Francesca Pascale si iscriverà all’Arcigay di Napoli. La decisione, presa dopo l’annuncio dello scorso 28 giugno, lancia un significativo messaggio di apertura all’opinione pubblica e alle forze politiche circa i diritti degli omosessuali. Ad oggi, l’Italia risulta tra gli ultimi Paesi riguardo i diritti delle persone LGBT, dietro Albania, Romania e Grecia. Tra gli ultimi dell’Unione Europea, alle spalle di paesi che hanno discusso e approvato da decenni leggi a favore dei più elementari diritti delle persone Lgbt.

Dopo l’apertura al dibattito sui diritti civili degli omosessuali di Silvio Berlusconi, apertura che vede spaccarsi Forza Italia, con dichiarazioni contrastanti degli esponenti del partito, è la volta della fidanzata del leader di centrodestra a tenere banco con Francesca Pascale e la sua decisione di iscriversi, oggi, ad Arcigay Napoli.

Antonello Sannino, presidente Arcigay spiega che questo tesseramento segna per la politica italiana l‘inizio di una nuova era che va a colmare il grave vuoto legislativo sui diritti Lgbt.  Esattamente dieci anni fa ci fu il coming out pubblico del capo del Partito Liberal Democratico tedesco Guido Westerwelle, che si presentò ad una cerimonia ufficiale col compagno senza che questo destasse minimamente scandalo e creasse pregiudizi alla successiva nomina a vice cancelliere del paese. Commenta Sannino: “I diritti delle persone omosessuali altrove non sono arrestati da inghippi ideologici, o stimolati dagli alti magistrati, ma affrontati in parlamento in dibattiti pubblici con il confronto sereno tra gli esponenti di tutti i partiti”.

Oggi pomeriggio quindi, alle ore 18, la Pascale in occasione del tesseramento, con Alessandro Cecchi Paone e lo stesso Sannino prenderà parte ad un dibattito pubblico alla caffetteria Marsal, al Borgo marinari. La compagna di Berlusconi, dunque, si dimostra così comprensiva e vicina ai problemi legati alle discriminazioni verso gli omosessuali.

Intanto l’associazione i-Ken Campania lancia la contromossa: “Boicott  Francesca Pascale la madrina dei Gay”. Questo il forte messaggio lanciato in rete: “L’iniziativa di Arcigay Napoli programmata il giorno 8 luglio alle h 18:00 d’incontrare Francesca Pascale in un luogo pubblico della città di Napoli è un’azione politica molto pericolosa ed insidiosa sia per le persone gay che per la nostra città. La “donna” di Berlusconi oltre ad essere napoletana è stata già protagonista nella nostra ragione di attività politica sempre tesa a sostenere colui che ella stessa chiama suo leader, presidente e fidanzato.

Francesca Pascale è già fondatrice dei circoli Silvio Ci Manchi, già ex consigliera provinciale di Napoli (nella FI di Cosentino e “Giggino a’pupett”, oggi On Luigi Cesario), già ex trombata alle elezioni europee sullo scandalo definito “ciarpame” da Veronica Lario Berlusconi.

La Pascale ritorna nella nostra Napoli, grazie alla compiacenza politica di Arcigay e l’interesse estetico di pochi, rischiando, attraverso l’attenzione dei media, di creare quell’icona POP modello “Evita pane e pummarole” capace di rafforzare il centrodestra a Napoli, mirando al voto gay già alle prossime elezioni del consiglio regionale.

Francesca Pascale con Arcigay stanno per ricreare una traslazione della politica sul piano della fantascienza dove si affermerà un valore politico della stessa oltre al ruolo d’intermediatrice politica con il Berlusconi, accreditando politicamente sia l’ex consigliera che l’ex Cavaliere.

Ed ancora: “A Napoli si sta per commettere un grave errore politico dove si sta reclamizzando, attraverso uno dei simboli di liberazione omosessuale, una soggettività che non dovrebbe essere riconosciuta nella veste politica.”

 boicott-pascale

Lascia un commento

17 − 6 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.