Nuovo appuntamento con la musica dei Pink Floyd: torna l’Atom At Night

L’Atom At Night, il concerto evento dedicato ai padri della psichedelia, questa volta approda tra i resti delle mura magnogreche di Capaccio Paestum, nell’Arena dei Templi di Paestum.

AtomAtPaestum2014E’ l’Atom At Paestum, inserito nel palinsesto degli eventi previsti per l’estate 2014, organizzati e sostenuti dall’amministrazione comunale della cittadina salernitana. All’ombra del Tempio di Nettuno, la straordinaria musica del quartetto britannico, che ha influenzato una generazione di musicisti, musicofili e ascoltatori di ogni genere musicale e età, tornerà a rivivere grazie all’interpretazione fedele che il collettivo di musicisti dell’ Atom At Night propone da più di un anno e che gli ha permesso di ricevere l’apprezzamento del pubblico e degli addetti ai lavori. Ancora una volta l’ensemble dell’ambizioso progetto musicale sarà formata da un direttore d’orchestra, la rock band Pink Bricks, l’Atom At Night Orchestra, l’orchestra vocale dei Numeri Primi e il coro di voci bianche Anna Frank.

Forte delle oltre 2000 presenze registrate lo scorso 27 gennaio 2013 al Palamangano di Scafati e del soldout, nel luglio dello stesso anno, al Ravello Festival, anche per questa nuova tappa del tour 2014, il collettivo costituito da più di 100 musicisti incentrerà la sua performance di due ore mezzo su arrangiamenti fedeli alle partiture originarie per Atom Heart Mother, la suite orchestrale composta da Ron Geesin nel 1970, e originali, per l’esecuzione dei grandi successi della band formatasi per mano del compianto “diamante pazzo”, Syd Barrett.

E’ un grande attestato di stima, per tutta l’organizzazione dell’ Atom At Night, essere inseriti in un palinsesto di eventi così ricco e prestigioso qual è quello della città di Capaccio Paestum. Ci restituisce la soddisfazione di due anni di duro lavoro fatto di continue sperimentazioni in cui abbiamo lavorato sulle singole composizioni, sulla fusione dei due linguaggi, il rock e la sinfonia, attenendoci però sempre alle partiture originali, attenti a trasmettere fedelmente quelle stesse atmosfere. E’ un percorso di preparazione lungo e impegnativo ma che alla fine ripagatanto. Anche questa volta non vogliamo deludere. E poi chi l’avrebbe mai detto che un giorno avremmo suonato nella culla della nostra civiltà? – afferma la produzione.

Lo spettacolo. Più di 100 musicisti, un direttore d’orchestra, una rock band e due cori, faranno rivivere i successi, i suoni e le suggestioni forgiate dalla celebre band formatasi nella seconda metà degli anni ’60 per mano del cantante e chitarrista Roger Keith “Syd” Barrett, del bassista George Roger Waters, del batterista Nicholas Berkeley “Nick” Mason, del tastierista Richard William “Rick” Wright e dal chitarrista David Jon “Dave” Gilmour che, nel ’68, subentrò al compianto Barrett.

L’evento vedrà ancora una volta l’unione del rock alla sinfonia, proprio come previsto nella versione originale di Atom Heart Mother, la suite concepita negli anni ’70 dal compositore britannico Ron Geesin. Un viaggio di due ore e mezzo, riletti in chiave orchestrale, attraverso i brani che hanno segnato la discografia dei Pink Floyd: Shine On You Crazy Diamond, Dogs Of War, Time, Money, Another Brick In The Wall, sono solo alcuni di questi a cui non mancheranno delle novità.

Lascia un commento

uno × 5 =