Prima di campionato: De Guzman all’ultimo respiro, vince il Napoli contro il Genoa

Napoli batte Genoa 2 a 1 al 95′

genoa_napoli1 settembre – La squadra di Rafa Benitez beffa il Genoa 95′ minuto con il risultato di 1-2. Gara totalmente in salita a Marassi ma alla fine la spuntano gli azzurri. Un risultato importantissimo dopo la pesante dipartita ai preliminari di Champions.

Primo tempo rossoblù. I primi minuti sono caratterizzati da un Napoli imponente e propositivo; dopo solo tre minuti riesce a portarsi in vantaggio grazie alla rete di Josè Maria Callejon servito in modo impeccante  dal Pipita Higuain. Dal decimo minuto il Genoa decide di prendere in mano le redini del gioco costringendo gli azzurri alla difensiva; dopo due colpi di testa di Pinilla parati brillantemente dal brasiliano Rafael, al terzo tentativo il cileno non sbaglia insaccando il pallone in rete. Protagonisti in negativo di questo primo tempo sono stati sicuramente Marek Hamsik e lo svizzero Gokan Inler; il primo mai incisivo e poco attivo per la propria squadra;  il secondo non riesce ad impostare mai il gioco ostacolato spesso dal genoano Sturaro.  Al duplice fischio Genoa in vantaggio contro uno spento Napoli

Napoli all’ultimo respiro. La ripresa ricomincia come era finita con il Genoa in pieno controllo del gioco. Un Napoli poco incisivo non riesce a mostrarsi pericoloso fino a metà del secondo tempo. Dopo l’entrata di Mertens al posto di un nervoso Callejon; e del nuovo arrivato De Guzman al posto di un irriconoscibile Hamsik, il Napoli cambia marcia e riprende in mano il gioco. La prima occasione è di Insigne che servito dal solito Higuain si trova tu per tu con Perin che riesce però a parare la conclusione del napoletano; la seconda occasione è sui piedi di Camilo Zuniga che con una conclusione non irresistibile non mette in pericolo la porta genoana;  alla terza occasione dopo un tiro di Mertens parato da Perin, Higuain impedisce alla palla di uscire e con un tiro colpisce il palo. Al novantacinquesimo il lancio della disperazione di Zuniga innesta nell’area De Guzman che  beffardamente insacca la palla in rete assicurando i tre punti agli azzurri.

Il Napoli con questa vittoria non conferma la sua candidatura come minaccia per Roma e Juventus, ma il materiale per lavorare e togliersi qualche soddisfazione c’è. Il gioco di squadra ancora non convince: troppo poco il possesso palla ed una scarsa gestione del risultato si dimostrano il tallone d’Achille di questa squadra.

Lascia un commento

dieci − 9 =

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.