Alunni picchiati a Palma Campania, tre insegnanti arrestati

66 gli episodi di violenza verbale e fisica, anche ai danni di alunni disabili

CarabinieriNapoli, 3 settembre – I Carabinieri di Nola hanno disposto questa mattina l’arresto di tre insegnanti dell’istituto comprensivo per l’infanzia “V. Russo” di Palma Campania, a seguito di ripetuti episodi di violenza verbale e fisica nei confronti dei piccoli alunni, alcuni anche disabili.

Le insegnanti finite ai domiciliari su disposizione della Procura della Repubblica di Nola per maltrattamenti aggravati sono Carmela Graziano, 59 anni, di Palma Campania (Napoli); Giovanna Donnarumma, 39 anni, di San Gennaro Vesuviano (Napoli) e Rosa Ambrosio, di 38 anni, di Castellammare di Stabia (Napoli).

Dalle indagini effettuate con l’ausilio di telecamere nascoste all’interno delle aule scolastiche sono emersi infatti, ben 66 episodi particolarmente gravi di violenza verbale e fisica ai danni degli studenti. Gli inquirenti hanno descritto di “ripetuti attacchi fisici e verbali, con strattoni, spinte, schiaffi al capo e conseguenti ematomi e lividi, anche agli occhi. E poi insulti, imprecazioni, espressioni dispregiative”.

Le indagini erano state avviate a seguito delle segnalazioni effettuate dalle madri di due studenti, tornati a casa con ecchimosi e svariate lesioni sul corpo. Gli episodi avvenivano in prevalenza nella sezione B, dove le insegnanti negavano persino l’utilizzo del bagno o addirittura isolavano i bambini disabili dal resto della classe relegandoli sui seggioloni, come nel caso di una bambina in particolare che come ravvisato dagli inquirenti veniva costantemente “estraniata da ogni attività collettiva, e addirittura bloccata nelle sue aspirazioni di coinvolgimento nelle dinamiche collettive”.

Gli investigatori hanno potuto constatare quanto questi comportamenti da parte dei tre insegnanti arrestati causassero nei piccoli alunni un gravissimo turbamento psicologico, da qui la disposizione per l’arresto.

Lascia un commento

18 − 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.