Tecnologia in classe: il materiale scolastico sostituito dalle App dei telefonini

Rivoluzione digitale in classe: gli studenti sono già un passo avanti, in attesa del processo di informatizzazione scolastica

scuola studentiNon solo giochi, messaggistica e svago. E’ ora arrivato il turno dei libri di testo scolastici, dizionari e quaderni. Skuola.net ha fatto un sondaggio dove viene dichiarato che uno studente su tre sostituisce il materiale scolastico con delle App per telefnino. Alcune scuole hanno dichiarato di far utilizzare durante l’orario di lezione i propri dispositivi che in un attimo vengono trasformati in libri e quaderni.

Per quanto riguarda i dizionari di inglese, spagnolo, francese e tedesco, che sono le lingue maggiormente studiate nelle scuole, 1 studente su 2 ha dichiarato di aver installato sul proprio dispositivo un’App che permette istantaneamente di tradurre tutte le parole in lingua straniera. il 20% degli studenti invece utilizza i mezzi di traduzione via web, mentre solo il restante 30% è ancora legato al dizionario.

Questo discorso però non vale solo per i dizionari, ma il web offre anche un modo rapido per ripassare prima di un’interrogazione. Sempre uno studente su tre ha dichiarato di aver affiancato le informazioni dei siti web ai propri libri di testo, mentre altri addirittura le sostituiscono.

E perché non sostituire anche i quaderni? Uno studente su sei preferisce usare il proprio telefonino o tablet per poter fare i compiti e prendere appunti stesso in classe, mentre un terzo degli studenti lo fa, ma non in classe. Anche la calcolatrice tradizionale viene sostituita a quella del proprio telefono, ma questa consuetudine non può essere sempre possibile visto che durante le verifiche non si può utilizzare il telefonino. Quindi il 65% degli studenti intervistati si attiene alla calcolatrice tradizionale. Il diario cartaceo resta ancora la scelta del 70% degli studenti, mentre 1 su 6 preferisce utilizzate il nuovo diario-app comprendente funzioni sociali e multimediali.

Il problema restano i prof. La maggior parte dei professori non tollera l’uso di tablet e telefonini il classe. Infatti il 60% degli studenti ha dichiarato di dover utilizzare il proprio dispositivo di nascosto. Il 14% dei professori però si lamenta solo per il loro uso prolungato durante l’orario scolastico, mentre 1 studente su 4 ha dichiarato di usare liberamente il proprio dispositivo in classe perché ritenuto dai propri docenti molto utile usufruire della tecnologia in questo modo. Se sarà avviato il processo di informatizzazione delle scuole sarà possibile usufruire di ebook e altri strumenti multimediali forniti dalla scuola stessa.

Lascia un commento