Mafalda, l’eterna bimba arrabbiata compie 50 anni ma non li dimostra

Il compleanno della bimba ribelle viene celebrato in tutto il mondo

mafalda-logo-50-anniMafalda, la bimba di spirito ribelle dalle domande disarmanti e dalle amare riflessioni, preoccupata per la pace e per i diritti umani, compie 50 anni, ma l’idea di integrarsi con il mondo degli adulti non le piace proprio.

Il personaggio dei fumetti più amato da piccoli e grandi nasce il 29 settembre 1964, anno in cui viene pubblicata la prima striscia di fumetti,  disegnata dall’argentino Joaquín Lavado, in arte Quino. Il 15 marzo 1965, Mafalda appare quotidianamente sulle pagine del El Mundo di Buenos Aires. Alcune settimane dopo nascono i personaggi di Manolito, Susanita e Felipe.

Alla fine del 1966 vengono pubblicate, in una raccolta, le vignette già uscite sui quotidiani, e senza molta pubblicità le vendite hanno un successo inaspettato e in quindici giorni la prima edizione è esaurita. Da allora è stato un crescendo inarrestabile per Mafalda, fenomeno mondiale del fumetto, pubblicata in 50 paesi, tradotta in 20 lingue, le cui strisce hanno venduto oltre 50 milioni di copie.

Alla bimba ribelle, sono state dedicate un piazza e una statua a Buenos Aires, un francobollo in Belgio, una via a Bruxelles, a Gatineau (Quebec) e ad Angouleme dove, in occasione del 41/mo Festival Internazionale del fumetto fino al 10 marzo sarà ospitata in 250 metri quadri la mostra “Mafalda, una bambina di 50 anni” che poi si sposerà a Grenoble.

Mostre, eventi, una mini expo itinerante in biblioteche, centri culturali e nelle maggiori fiere del libro italiane accompagneranno i festeggiamenti dei 50 anni di Mafalda per tutto il 2014.

La raccolta Bompiani del 1969, in una striscia “Mafalda la contestataria“, con prefazione di Umberto Eco, ha contribuito a renderla famosa nel nostro Paese poi la striscia quotidiana su Paese Sera, uno dei primi giornali che decise di ospitarla. Gli anni d’oro sono stati i ’70 con le vignette di Mafalda sempre più legate ai diritti umani e alla difesa delle donne.

Lascia un commento