Certosa di San Martino: visita al giardino conventuale

Prosegue il  ciclo dedicato a ‘L’opera del mese’, curato da Rossana Muzii, con un incontro e passeggiata negli antichi  giardini dei monaci

giardino certosaNell’antico monastero della Certosa di San Martino – fondato da Carlo d’Angiò, duca di Calabria nel 1325 –  la cui comunità era composta dapprima da 13 monaci, poi fino ad una ottantina di certosini, giardini e orti coltivati sono elemento d’obbligo: area per colture agricole legata alla quotidiana sussistenza, giardino dei semplici per le erbe medicamentose di utilizzo nella Spezieria o Farmacia, giardini di fiori per ornamento.

Al giardino claustrale si riconosceva anche valore di bellezza architettonica oltre al valore simbolico: arti figurative e letteratura sono ricche di sue descrizioni.

I giardini della Certosa, dal tempo della sua fondazione gotica alla sua fulgida stagione sei-settecentesca, tra chiostri, giardino pensile del Priore, porticati e orti, ninfeo e pergolati di viti, presenta oggi certamente un assetto modificato per impianto di nuove e non pertinenti essenze ma racconta ancora tutta la sua suggestione lungo i percorsi, a partire dal Giardino contiguo alla chiesa delle donne che la visita odierna offre al visitatore.

L’appuntamento è per domani, sabato 27 settembre ore 11.

Lascia un commento

10 + diciannove =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.