Europa League: il Napoli impegnato contro lo Slovan Bratislava

Ritorno in patria per Marek Hamsik, Benitez categorico: si deve vincere

hamsikIl giovedì torna a essere la serata dedicata all’Europa per il Napoli. Le ultime esperienze in Europa League risalgono alla passata stagione, quando il Napoli, passati i sedicesimi con lo Swansea, fu eliminato agli ottavi di finale dal Porto, a causa di un 2-2 in casa, determinato dalle reti di Ghilas e Quaresma. Ora il club partenopeo si trova in un girone non troppo minaccioso, a tre punti assieme allo Young Boys, seguito da Sparta Praga e Slovan Bratislava, entrambi a zero punti. Ed è proprio lo Slovan Bratislava ad ospitare i napoletani domani sera allo stadio Pasienky, ad accoglierli nella patria del loro capitano, Marek Hamsik.

“Io considero solo la vittoria, ma stiamo attenti, perché lo Slovan non è quello visto contro lo Young Boys” dice Benitez, serio e determinato, memore del 5-0 subito dallo Slovan a Berna, ma allo stesso tempo conscio dell’importanza di non sottovalutare l’avversario. è un Benitez che ripropone, instancabile il classico modulo, con Henrique e Koulibaly centrali davanti a Rafael, affiancati sulle fasce da Maggio, in ballottaggio con Mesto, e Ghoulam.

A centrocampo un probabile ritorno di Jorginho, che ha smaltito l’infortunio al polso, assistito da David Lopez. è oltre la linea di metà campo che ci sono i soliti dubbi: Mertens o Insigne? Bene, è probabile che, accanto al titolarissimo Hamsik, avremo il piacere di vederli giocare insieme, e magari trovare la giocata vincente. Riposo dunque per Callejon e Higuain, sostituito probabilmente da Michu, anche se non è da escludere la presenza di Duvan dal primo minuto.

Lo Slovan, vista l’assenza del giocatore cardine della squadra, Robert Vittek, fermo per infortunio, propone un modulo piuttosto offensivo, con un 4-5-1 che vede Halenar come prima punta, preceduto da Meszaros e Milinkovic sulle corsie. A tenere alto il baricentro Cikos, Hudak, Gorosito e Kolcak daranno filo da torcere al reparto offensivo del Napoli, volendosi liberare del peso dei 5 gol subiti durante l’ultima partita del girone.

“Quando si vince – spiega Benitez – si dice sempre che il risultato può rappresentare la svolta positiva. A Sassuolo abbiamo mostrato carattere, soffrendo come abbiamo fatto in altre partite in cui magari meritavamo qualcosa di più”. Anche Hamsik sembra voler ricominciare col piede giusto, e vuole farlo proprio da Banska Bistryta, la sua cittadina d’origine, contro la squadra che lo ha svezzato. “E’ una gara speciale per me- dice lo sloveno- ho giocato qui due anni e mezzo con la Primavera e poi la prima squadra per poi andare nel grande calcio. Sarà sicuramente emozionante, sono contento di poter essere un esempio per i giovani, ma poi domani in campo conterà solo vincere”.

SLOVAN BRATISLAVA (4-5-1): Pernis; Cikos, Hudak, Gorosito, Kolcak; Grendel, Lasik, Milinkovic, Meszaros, Peltier; Halenar.

NAPOLI (4-2-3-1): Rafael; Mesto/Maggio, Henrique, Koulibaly, Ghoulam; Inler/Jorginho, David Lopez; Insigne, Hamsik, Mertens; Michu/Duvan.

Lascia un commento