Inchiesta America’s Cup: avvisi per De Magistris, il fratello Claudio e Stefano Caldoro

Avvisi di chiusura indagine per reato affine alla turbativa d’asta per l’edizione 2012 della Coppa America

coppa america napoliNapoli, 3 ottobre – Chiuso un filone d’inchiesta su presunte irregolarità nell’organizzazione della Coppa America. La Procura di Napoli, secondo indiscrezioni, a breve dovrebbe notificare gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari al sindaco sospeso Luigi De Magistris, al fratello Claudio, a componenti dello staff del sindaco nonchè al presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro.

L’inchiesta si riferisce alla selezione illecita dell’Unione degli Industriali di Napoli come socio privato della società ACN (American Cup Napoli) organizzatrice della competizione sportiva svolte a Napoli nelle due edizioni del 2012 e 2013.

Il reato contestato, affine alla turbativa d’asta, fu motivo di iscrizione nel registro degli indagati nel mese di luglio dello scorso anno. Per i Pm di Napoli occorreva una gara pubblica per la selezione del socio da affiancare ad ACN, mentre la decisione di affidare all’Unione Industriali l’ACN fu presa da Comune di Napoli, Provincia e Regione Campania senza ricorrere ad alcuna gara.

Resta ancora aperta l’inchiesta riguardante l’assegnazione di appalti relativi alla seconda edizione dell’America’s Cup, quando in ACN, all’Unione Industriali subentrò la Camera di Commercio.

Lascia un commento