L’Incisione: percorsi e tendenze. A Pozzuoli un incontro di avvicinamento alle tecniche

Rapido excursus dal segno primordiale nella roccia alla stampa contemporanea, dai mordenti aspri e virulenti all’Incisione Blu

incisione stampaSabato 11 ottobre 2014, alle ore 18.30, in occasione della X Giornata del Contemporaneo, organizzata da AMACI (Associazione dei Musei d’Arte Contemporanei Italiani), l’Atelier Controsegno, sito in Via Napoli 201, Pozzuoli, Napoli (nei pressi della stazione della Cumana Dazio), propone un incontro di avvicinamento alle tecniche d’incisione tradizionale e sperimentale, oltre alla presentazione dei corsi, entrambi a cura di Veronica Longo.

L’Incisione: percorsi e tendenze, inaugura una serie di incontri dedicati alla grafica d’arte, a scopo didattico-divulgativo, che si svolgeranno, a cadenza periodica, in concomitanza ai corsi. Il progetto si prefigge di rendere fruibile il misterioso mondo dell’incisione a chi non ne ha competenza, consentendo di avvicinarsi a una “pratica” poco nota ma non del tutto dimenticata, a confine tra sapienza e tecnica, teoria e prassi, unicità e riproducibilità, arte e artigianato.

Le conferenze, le presentazioni di testi specifici, i workshops e le dimostrazioni, tenuti da parte di professionisti del settore (provenienti anche dall’estero), con l’ausilio di video-proiezioni, intendono mettere in luce che è sempre stata insita nell’uomo la necessità di esprimersi attraverso mezzi grafici, non verbali, e di volerne superare i limiti e le potenzialità, ma soprattutto, puntano a offrire uno “spaccato” (almeno dal punto di vista teorico), di tutte tecniche sperimentali dell’arte incisoria, spesso non insegnate nelle istituzioni tradizionali, quali gli ambienti accademici. In particolare, in questo primo appuntamento ci si soffermerà sulle origini del segno a incavo, dall’esordio delle Grotte di Lascaux fino ad oggi; pur se brevemente, si racconterà la storia, l’evoluzione e la “fortuna” delle metodologie sperimentali, mostrate dai grandi “padri”: Friedlaender, Hayter, Vedova, Goetz, e dai contemporanei dell’Atelier Aperto di Venezia: Riccardo Licata, Rina Riva e Nicola Sene.

Inoltre, gli incontri offriranno ai partecipanti la possibilità  di visitare la zona laboratoriale, dove sono visibili matrici e utensili e, per chi non l’avesse già fatto, di visitare nella galleria la variegata esposizione dal titolo Stampa2, inaugurata sabato 27 settembre, e che conta ben 100 artisti, italiani e stranieri, tutti dediti alla grafica d’arte. Tale mostra si concluderà sabato 25 ottobre con la presentazione del testo L’Incisione Blu, scritto dall’artista e ricercatrice romana Fabiola Mercandetti, ed edito dall’ALI (Associazione Libera Incisori). Senza dubbio, due date imperdibili per gli appassionati d’arte, ma anche per coloro che vogliono conoscere e cimentarsi in qualcosa di diverso e inusuale.

INGRESSO GRATUITO

Lascia un commento

sette − sette =