Made in Heart, architettura sociale in mostra a Napoli

Presentazione presso la galleria PRAC

Casa RanaSabato 11 ottobre 2014, dalle ore 16 (fino alle 21) presso la Galleria PRAC (via Nuova Pizzofalcone, 2) si terrà la presentazione di MADE IN EARTH, un’organizzazione senza scopo di lucro che si occupa di progetti di sviluppo sociale e abitativo, e realizza progetti umanitari per comunità bisognose, in partenariato con altre organizzazioni.

Per Made in Earth l’architettura è una disciplina al servizio della società, con una responsabilità nei confronti degli uomini e del territorio. In contesti disagiati o poveri, essa deve saper dare risposte semplici a problematiche complesse, laddove manchino risorse, tecnologie, know-how, o in situazioni di emergenza.

Made in Earth lavora nell’ambito dell’architettura, dalle nuove costruzioni al recupero e alla conservazione dell’esistente. Progetta architetture che possano rispondere a esigenze ed emergenze di primaria necessità, come case, scuole, ospedali, edifici comunitari e vuole promuovere lo sviluppo di soluzioni innovative, magari reinterpretando tecniche tradizionali.

MiE promuove inoltre la formazione di giovani architetti, ingegneri e designer attraverso la partecipazione professionale e l’organizzazione di workshop e seminari. Grazie alla collaborazione con alcune organizzazioni umanitarie, tra le quali Terre des Hommes Core Trust e Main dans la Main, dal 2010 ad oggi MiE ha realizzato o in corso di progettazione, in India cinque residenze per bambini malati o abbandonati, tra cui Casa Rana, per bambini sieropositivi a Tiruvannamalai e Matt Home, per bambine e ragazze vittime di abusi, a Cuddalore; inoltre due centri di formazione artigianale e professionale, e un edificio comunitario, sempre nella regione del Tamil Nadu.

Per questa attività, MiE ha ricevuto il Premio Internazionale di Architettura Selinunte, mentre Casa Rana è stata inserita nel prestigioso Phaidon Atlas of Contemporary World Architecture.

Al gruppo iniziale di fondatori, Giancarlo Artese, Ada Catapano, Sebastiano Gorini, Diego Lama, si sono poi aggiunti altri architetti, Angelo Catani, Marialetizia Gaeta, Giuliana Sandulli, Flavia Scognamillo, Alessandro Turchi, e infine persone con formazione ed esperienza diverse, quali economisti, esperti di marketing e di terzo settore: Emanuela Ciccarelli, Stefano Riccio, Fabiana Sciarelli.

Lascia un commento