Sciolta la prognosi per il ragazzo seviziato, ha ripreso anche a mangiare

Da qui a un anno, ci sono le condizioni per una normalizzazione transito intestinale

ospedale-san-paoloNapoli, 13 ottobre – Sciolta la prognosi per il quattordicenne seviziato la scorsa settimana a Pianura, quartiere di Napoli. I medici dell’ospedale San Paolo hanno comunicato che la prognosi è stimata in 30 giorni. Intanto il ragazzino ha ripreso a mangiare anche se solo con un’alimentazione liquida.

Il bollettino medico fa sapere che le condizioni del ragazzo sono in costante miglioramento e sono riprese anche le “funzioni intestinali”.

Dopo l’intervento durato nel complesso 5 ore, i medici non avevano potuto sciogliere la prognosi. Le lesioni erano multiple e, spiegava Biagio Trojaniello, direttore del reparto di chirurgia “abbiamo fatto un bilancio delle lesioni che ha riportato e occorreva identificare quali erano recuperabili e quali no, per consentire al ragazzo di tornare a vita normale”.

Oggi la comunicazione da parte dello staff medico dell’ospedale del miglioramento progressivo e prognosi sciolta. In aggiunta, secondo Raffaele dell’Aversano, direttore sanitario dell’ Ospedale San Paolo, il ragazzino “potrà avere una vita normale”. “Vedo tutto in termini molto positivi ed è verosimile che, da qui a un anno, ci siano le condizioni per una normalizzazione transito intestinale”. ”L’ho visto tranquillo e sereno – aggiunge dell’Aversano – Ha l’aspetto di un bambino che sta prendendo coscienza di quello che ha vissuto”. ”Ha anche supporto psicologico – conclude – perché il nostro ospedale è sede dello sportello anti violenza da 5 anni”.

Lascia un commento

9 − uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.