Nuova Sinter, cappi al collo e manichini impiccati: la protesta degli operai sale sul tetto dello stabilimento

I sigilli per fallimento fanno scatenare la protesta dei lavoratori

nuova sinterNapoli, 20 ottobre – Dura protesta dei lavoratori della Nuova Sinter di Arzano (Napoli), la società che produce pulegge per automobili. L’azienda è stata dichiarata fallita lo scorso 12 luglio e da quel momento si decise di continuare in esercizio provvisorio, su decisione del Tribunale, per capire se ci fosse interesse da parte di qualche casa automobilistica a rilevare l’azienda. I dipendenti, inizialmente pagati a singhiozzo o non pagati proprio sono stati definitivamente messi in cassa integrazione straordinaria per fallimento. Gli operai però, stanchi della situazione precaria, sono in assemblea permanente da parecchi giorni. Questa mattina la protesta si è intensificata. Una trentina di operai sono saliti sul tetto dello stabilimento con dei cappi al collo. D’impatto sono anche i numerosi manichini impiccati davanti alla fabbrica. Il forte gesto è finalizzato a dare un segnale all’ufficiale giudiziario, il quale dovrà apporre dei sigilli all’ingresso della azienda dichiarata fallita.

Lascia un commento

tredici − due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.