“Iocisto” apre i battenti: visitatori in fila per l’arrivo dei libri

Grandissima affluenza per l’apertura ufficiale al Vomero della libreria di tutti “Iocisto”

Sabato 25, nei locali di via Cimarosa 20,Inaugurazione IoCiSto che dal 21 luglio ospitano la libreria, gli “Iocistiani” hanno festeggiato il tanto atteso arrivo dei libri. Decine e decine di persone hanno letteralmente riempito la libreria per assistere all’evento.

Per l’occasione Chiara Rapaccini a.k.a. RAP, disegnatrice e scrittrice, autrice della raccolta di vignette “Amori Sfigati”, ha dato il via ad una proficua collaborazione con “Iocisto”. Una serie di eventi che coinvolgerà la libreria a partire dal 25 ottobre e durerà fino al 12 novembre. Tra questi come non ricordare un’incredibile caccia al tesoro per le strade di Napoli dal titolo “Amori sgualciti”. Sei enormi tele, dipinte dalla stessa Rapaccini, a partire da ieri sono state “nascoste” in luoghi importanti della città. In palio per i primi che le troveranno le magliette con le vignette di Chiara esposte (e in vendita) nella libreria.

La serata di inaugurazione è iniziata alle 18.00 con la presentazione di un video edito da Valentina Lucari. Il titolo “Un estraneo Nudo”, uno spaccato delle relazioni sentimentali attraverso le parole di uomini e donne comuni. Con una sagace ironia la regista ha saputo cogliere le incoerenze, gli errori e le paure che provoca l’amore, mettendo gli spettatori davanti ad una realtà infondo condivisa da tutti. A seguire, per restare in tema, il programma prevedeva un brindisi con tutti i presenti con il magico “Elisir di Brangania”, il filtro d’amore bevuto da Tristano e Isotta.

 E in questa piacevole e spensierata cornice gli ospiti hanno toccato con mano e acquistato i libri e hanno potuto “scoprire” i locali della libreria. Quattro piccole sale dipinte ed arredate con la buona volontà e l’impegno dei soci. Tre sezioni speciali: “Io ci stetti”, in cui sono riposti preziosi libri di antiquariato, “Ij ce stong”, la Napoli raccontata nei libri, e “Io ci sono stato”, una raccolta di libri usati, gentilmente offerti dai cittadini. In più uno spazio dedicato alle conferenze che ospiterà eventi, presentazioni di libri e conferenze.

Una serata importante, quindi, per quelli di “Iocisto”, la realizzazione di un sogno che all’inizio sembrava molto lontano. L’iniziativa spontanea di poche persone, un grido di protesta contro la chiusura della stragrande maggioranza delle librerie vomeresi, i motori che hanno dato il via ad “Iocisto”. “Ah…Ma mica ce la vogliamo aprire noi una libreria meravigliosa? Se avete soldi (qualsiasi cifra) e ci volete pensare fatemelo sapere. Io ci sto”, questo l’appello lanciato via Facebook da Ciro Sabatino, giornalista ed editore e attuale presidente dell’associazione. Subito centinaia di “Like” e di risposte positive. E con tanta fatica e tanta passione, da quel lontano 13 maggio in cui tutto ebbe inizio, finalmente il progetto è giunto ad un reale compimento.

Uno dei pochi baluardi della cultura ormai rimasti, la libreria “Iocisto” si propone di difendere i libri dalla crisi. L’evento di ieri è solo un punto di inizio e dimostra che è possibile cambiare le cose, è possibile, anche se difficile, realizzare i propri sogni e mantenere viva la cultura.

Per partecipare al progetto e diventare degli “Iocistiani” basta iscriversi al sito http://www.iocistolibreria.it/ o all’infopoint “Io ci sono?” situato nella libreria e versare un piccolo contributo annuale.

Lascia un commento