Champions League, le quattro semifinaliste: Barcellona, Real Madrid, Bayern Monaco e Chelsea.

Tutto rispettato, almeno secondo i pronostici, nelle quattro sfide valevoli per il ritorno dei quarti di finale di Champions. Le due spagnole, Barcellona e Real Madrid avanzano ancora e guadagnano la semifinale ai danni di Milan ed Apoel Nicosia. La squadra tedesca del Bayern supera il Marsiglia ed il Chelsea di Roberto di Matteo elimina la squadra portoghese del Benfica, in una partita che non ha risparmiato emozioni.

Nel primo incontro di Martedì 3 Aprile, l’ultima italiana in corsa nella massima competizione europea, il Milan, viene eliminata da un Barcellona nettamente superiore che nel proprio stadio, il “Camp Nou”, impone il proprio classico gioco elegante e vince con un netto 3-1, soffrendo solo per alcuni minuti dopo il momentaneo pareggio dei rossoneri, siglato da Nocerino. Non brilla Ibrahimovic e Messi si rende protagonista con una personale doppietta su rigore. Il terzo gol catalano arriva dai piedi di Iniesta e chiude l’incontro.

Nell’altro match, quello disputato all’”Allianz Arena” di Monaco di Baviera, la squadra bavarese, ripete lo score già imposto all’andata in terra francese e conquista l’accesso alle semifinali con il risultato di 2-0. I tedeschi mettono al sicuro il risultato e la qualificazione già nel primo tempo con la doppietta di Olic, poi per la restante parte di gara, i padroni di casa amministrano il risultato contro la formazione transalpina, che raramente si rende pericolosa.

Il Chelsea, guadagna la semifinale contro il Benfica non senza soffrire. La gara non è bella da vedere, piuttosto lenta ed è il Benfica a dettare i ritmi. La formazione dei “Blues” però, sblocca il risultato su calcio di rigore al minuto 21° con Lampard, che già aveva realizzato un penalty nel turno precedente contro il Napoli. Nella ripresa, la formazione portoghese combatte su tutti i palloni alla ricerca del pareggio della speranza. La formazione di casa, difende bene pur soffrendo le iniziative della compagine lusitana. Nel finale di gara, precisamente al minuto 85° si riaccende improvvisamente la partita con il gol del Benfica realizzato da Garcia. Nei minuti finali è arrembaggio portoghese ed il Chelsea soffre, ma su classica azione di contropiede, Mereiles, a tempo scaduto, regala il 2-1 alla formazione di Londra che accede al penultimo atto della competizione per la sesta volta in nove anni.

Non c’è storia, invece, al “Santiago Bernabeu” di Madrid, dove il Real di Ronaldo e Kakà, si sbarazza della rivelazione di questa edizione della Champions, l’Apoel di Nicosia, con un rotondo 5-2, dopo aver vinto all’andata a Cipro per 3-0. Il festival del gol madridista lo apre Cristiano Ronaldo al minuto 26° e dieci minuti più tardi, l’ex milanista Kakà raddoppia. Nella ripresa, reazione d’orgoglio cipriota che permette a Manduca di accorciare le distanze. La formazione dei “Blancos”, ad ogni modo, ci mette poco a ripristinare le distanze e va in rete nuovamente con Ronaldo al minuto 75°; cinque minuti dopo è il turno di Callejon che porta a quattro le marcature per il Real. All’82’, Apoel nuovamente il gol con la rete messa a segno da Solari su calcio di rigore. Chiude definitivamente il conto al minuto 84° Di Maria, che rende il passivo per i ciprioti ancor più pesante.

Le semifinali saranno le seguenti:
il 17 Aprile, allo stadio “Alliaz Arena” si disputerà la gara di andata tra Bayern di Monaco e Real Madrid con il ritorno il 25 Aprile allo stadio “Santiago Benrabeu”.
Il 18 Aprile, allo “Stanford Bridge” primo atto della semifinale tra Chelsea e Barcellona; il ritorno si giocherà al “Camp Nou” il 24 Aprile.

Lascia un commento

10 − 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.