Convegno: Progetto Pompei Scuola, Fondazione Mezzogiorno Europa

COMUNICATO STAMPA

Pompei ScuolaConvegno: “La cultura come motore per lo sviluppo Il Progetto “Pompei Scuola” – Napoli, martedì 9 dicembre 2014 ore 17,00. Sala delle Assemblee Società Napoletana di Storia Patria III piano – Maschio Angioino

Saranno presenti
UMBERTO RANIERI
Presidente Fondazione Mezzogiorno Europa

Introduce
FRANCESCA BARRACCIU
Sottosegretario di Stato al Ministero dei Beni
e delle Attività Culturali e del Turismo

Intervengono
GREGORIO ANGELINI
Direttore Regionale per i Beni Culturali
e paesaggistici della Campania
MAURIZIO BARRACCO
Presidente del Banco di Napoli
GIOVANNI NISTRI
Direttore Generale Grande Progetto Pompei
AMBROGIO PREZIOSO
Presidente Unione Industriali Napoli
Conclude
LOUIS GODART
Consigliere del Presidente della Repubblica
per la Conservazione del patrimonio artistico

La preparazione al Congresso ha previsto una visita guidata preliminare agli scavi di Pompei di 50 ragazzi del liceo linguistico scientifico statale Cuoco-Campanella di Napoli, insieme agli insegnanti. Il Progetto Pompei Scuola, realizzato dalla Fondazione Mezzogiorno Europa,  consiste in un percorso didattico-formativo e di visita al sito archeologico di Pompei, per scolaresche e giovani del territorio che, seguiti da personale specializzato,  possano abituarsi a scoprire la storia e l’arte non solo sui libri ma direttamente sui luoghi in cui si sono svolti gli eventi. “Lo scopo,  – dichiara  Luisa Pezone, segretario generale di Mezzogiorno Europa, responsabile e coordinatrice del Progetto – è creare un interesse ai beni culturali e uno stimolo ad una conoscenza più approfondita del territorio. La scoperta di appartenenza a un luogo di tale importanza che conserva beni culturali così preziosi per la memoria collettiva,  può sicuramente portare ad una  tutela diffusa dei nostri beni archeologici, e storico-artistico: li conosciamo, sappiamo quale è il loro valore  e li difendiamo”.

Lascia un commento

4 × quattro =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.