Uccise il pensionato nel cimitero accoltellandolo di spalle: arrestato il vicino Claudio Spinosa

L’assassino è stato incastrato dalle macchie di sangue della vittima sui propri indumenti

pensionato-uccisoNapoli, 17 dicembre — Svolta decisiva nelle indagini investigative sull’assasinio di Aniello Maione, il pensionato di 78 anni morto accoltellato mentre si trovava a porgere qualche fiore in memoria dei propri defunti al cimitero di Sant’Anastasia in provincia di Napoli. Sarebbe stato il suo vicino di casa Claudio Spinosa ad ammazzarlo il 27 gennaio scorso. Dopo quasi un anno dalla morte di Maione, gli investigatori hanno rinvenuto delle tracce ematiche su alcuni indumenti sequestrati al vicino di 36 anni.

Spinosa nato a Pollena Trocchia e residente a Sant’Anastasia, giovane vicino del pensionato ucciso, è stato posto in arresto dai carabinieri di Castello di Cisterna in provincia di Napoli ed è accusato dalla Procura della Repubblica di Nola di omicidio doloso aggravato.

Alla base dell’omicidio ci sarebbero dei vecchi rancori, risentimenti che hanno alimentato l’odio tanto da fargli compiere un gesto così estremo. L’omicida si sarebbe accanito sul pensionato colpendolo di spalle con cinque coltellate, senza neppure il coraggio di guardare in volto l’uomo di cui desiderava la morte. L’assassino aveva precedentemente aggredito più volte l’anziano uomo e le liti violente trascendevano inevitabilmente in percosse.

Le indagini degli investigatori hanno permesso di sequestrare al vicino di casa di Maione quegli abiti sporchi di sangue. Le analisi sul campione rinvenuto hanno accertato che si trattava del sangue della vittima, di conseguenza sono scattate immediatamente le manette per Spinosa.

Lascia un commento

9 − tre =

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.