Siti archeologici Vesuviani, raggiunto l’accordo sulla riorganizzazione del servizio di vigilanza

Accordo definitivo tra Soprintendenza e le sigle sindacali dei lavoratori

Ippolito StabiaeConcluso l’accordo definitivo sulla riorganizzazione del servizio di vigilanza nei siti archeologici vesuviani. Dopo una serie di incontri tra la Soprintendenza e le sigle sindacali dei lavoratori delle aree archeologiche,  in un clima di piena collaborazione si è raggiunto l’accordo finale che, attraverso la razionalizzazione delle risorse umane, consentirà una migliore e più funzionale gestione dei turni degli addetti alla  vigilanza.

La ridistribuzione delle squadre ha interessato il personale di vigilanza in servizio in tutti i siti archeologici della Soprintendenza, al fine di garantire l’uniformità e l’equilibrio nella composizione delle squadre ed è affiancata da alcune novità quali: la definizione di compiti specifici dei coordinatori; la compresenza di due coordinatori per il turno antimeridiano e pomeridiano, con una rotazione, in via sperimentale, degli stessi su base semestrale ; la ridefinizione delle squadre di vigilanza notturna dei vari siti che ha, in particolare, consentito di recuperare diverse unità lavorative per i turni diurni; e infine la riorganizzazione del funzionamento della sala regia.

“L’accordo in questione, che ha avuto la piena condivisione di tutte le sigle sindacali presenti è un passo in più verso una migliore tutela e fruizione dei siti vesuviani – dichiara il Soprintendente Massimo Osanna – anche nel pieno rispetto delle attività dei lavoratori degli scavi che vedono più equamente ridistribuito il loro carico di lavoro su aree archeologiche, come ben noto, estremamente vaste.”

Lascia un commento

5 × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.