Assunzioni al Teatro Mercadande, il Pd Napoli chiede chiarezza sulle selezioni

Tra le 15 figure professionali selezionate spiccano collaboratori di “Campania dei Festival”, la fondazione di Palazzo Santa Lucia che organizza il “Napoli Teatro Festival”, e la compagna del portavoce dell’assessore Miraglia

Teatro MercadanteNon si placa la bufera sul concorso per le 15 assunzioni al Teatro Mercadante. Ora è il Partito Democratico di Napoli a chiedere che venga fatta chiarezza. E lo fa con il segretario provinciale, Venanzio Carpentieri, e la responsabile cultura, Luisa Pezone, che sono intervenuti sulla vicenda.

Le istituzioni hanno il dovere di intervenire al fine di chiarire la trasparenza di tutte le procedure di selezione del bando Mercadante – dichiarano i rappresentati del PD Napoli, che proseguono – Auspichiamo che alle denunce e ai ricorsi annunciati seguiranno chiarimenti puntuali che accertino la conformità delle procedure adottate per la selezione dei quindici dipendenti a tempo indeterminato. Per questo motivo invochiamo anche l’intervento dei fondatori dello storico teatro affinchè si adoperino perchè la bufera scatenata possa risolversi in tempi brevi.”

I FATTI CONTESTATI – 1400 domande per 12 profili tra addetti all’ufficio stampa, all’amministrazione, alla promozione e al macchinista teatrale. Tra i nomi dei vincitori della selezione e assegnataria quindi di un posto di lavoro nell’ufficio stampa compare anche la compagna del portavoce dell’assessore alla Cultura Caterina Miraglia, Raffaele Riccio. Oltre questo particolare, dalla lettura dei nomi dei vincitori di concorso e quindi assegnatari di un posto di lavoro a tempo indeterminato a Napoli, spicca il fatto che ben 10 dei 15 neoassunti hanno collaborato in questi anni con “Campania dei Festival”, la fondazione di Palazzo Santa Lucia che organizza il “Napoli Teatro Festival”, per intenderci.

La selezione era stata affidata all’agenzia di lavoro interinale Adecco, presidente della commissione esaminatrice, il magistrato Vincenzo Galgano che ha preferito defilarsi senza rilasciare commenti sulla selezione effettuata. L’assessore regionale ha invece così commentato l’accaduto: “Lui – riferendosi al suo collaboratore, Riccio – mi ha dato una mano in Regione senza contratto. Se la fidanzata di una persona che mi è vicina ha vinto un concorso non posso che essere contenta”.

Lascia un commento