Primarie del centrosinistra per le regionali, arriva puntuale il quarto rinvio: ora si vota il primo marzo

Stop tecnico come motivazione, occorre organizzarsi ed avere tempo per gli appelli al voto

primarie-pdE’ arrivato ieri sera, puntuale come previsto, il nuovo stop alle primarie del Partito Democratico per la scelta del candidato di centro sinistra alle prossime elezioni regionali. Esaurite tutte la motivazioni politiche ora si fa ricorso ad uno stop tecnico per spiegare il quarto rinvio delle consultazioni.

Il comitato organizzatore si è riunito ieri sera ed ha deciso, “per motivi logistici”, di rinviare le primarie di una settimana. Dal 22 febbraio si passa al primo marzo. Cinque i candidati in campo: per il Pd Gennaro Migliore, Andrea Cozzolino e Vincenzo De Luca; il socialista Marco Di Lello e il segretario regionale dell’Idv Nello Di Nardo.

Inizialmente fissate per il 14 dicembre, le primarie per scegliere chi si contrapporrà, nel centrosinistra, alla ricandidatura del presidente uscente, Stefano Caldoro sono state spostate prima all’11 gennaio e poi l’1 febbraio, fino al terzo rinvio al 22 febbraio. La nuova data è il primo marzo, la decisione è stata presa con buona pace di tutti i candidati che lamentavano tempi stringenti per l’organizzazione e gli appelli al voto. La vicenda insegna che nulla è davvero certo, perchè c’è ancora chi nel Pd lavora alacremente per farle saltare definitivamente.

Lascia un commento

1 × quattro =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.