Scuola: l’istituto Gigante Neghelli vince il II° premio per il lavoro “Un ragazzo partito per il fronte”

II° Premio del Concorso “La Grande Guerra e le terre irredente dell’Adriatico Orientale”

premiazione ScalellaIl 10 febbraio scorso l’I.C. “53 Gigante Neghelli” di Napoli ha ritirato durante la Celebrazione della Giornata delle Foibe svoltasi nella Sala della Regina di Montecitorio il II° Premio per il lavoro svolto “Un ragazzo partito per il fronte”, presentato nell’ambito del Concorso “La Grande Guerra La Grande guerra e le terre irredente nell’Adriatico Orientale nella memoria degli Italiani  – Storie familiari della Grande Guerra” bandito dal MIUR e dalle Associazioni degli Esuli istriani, fiumani e dalmati

Il progetto realizzato dagli alunni della classe 3C guidati dalla professoressa Rosaria Secondulfo, referente della Legalità e del Laboratorio di Storia e Cittadinanza,  ha ricostruito la Grande Guerra a partire dal resoconto di un testimone di seconda generazione, il dottor Vincenzo De Luise, responsabile della Biblioteca dell’Università Federico II (Monte S.Angelo)  che, in una manifestazione pubblica svoltasi nell’Aula Magna della scuola il 21 novembre 2014, aveva delineato i fatti attraverso la corrispondenza che lo zio inviava ai familiari, senza trascurare le emozioni di chi a casa attendeva la lettera del soldato e di chi, in trincea, chiedeva notizie dei propri familiari.

La manifestazione del novembre scorso ricevette già molto plauso e da essa scaturì un lavoro cartaceo di rielaborazione della guerra attraverso le fonti e un prodotto multimediale a supporto di quello cartaceo in cui gli alunni hanno sintetizzato i fatti salienti della guerra e le lettere dal fronte, risultando vincenti. A ritirare il premio alla presenza delle massime cariche dello Stato, il Dirigente Scolastico prof. Mariarosaria Scalella e gli alunni Gaia Vulcano e Fabio Grieco in rappresentanza della 3C.

Lascia un commento

quattro × 4 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.