Primarie democratiche: dopo Migliore (Pd) anche Di Nardo (Idv) esce di scena. Dope tanto caos, domenica si vota

Dopo il ritiro di Gennaro Migliore oggi il dietrofront di Nello Di Nardo

Primarie PdNapoli, 27 febbraio – “Ho deciso di non partecipare alle primarie di domenica prossima” è l’inizio della lettera in cui Gennaro Migliore (Pd), ieri, ha annunciato il ritiro della sua candidatura alle primarie del Partito Democratico in Campania per la scelta del candidato governatore alle elezioni regionali di maggio. La decisione è maturata in seguito alle tensioni registrate nel partito campano e dopo un lungo incontro, a Roma, con il Presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Nella lettera l’esponente del Pd chiarisce che la sua decisione di scendere in campo nasceva dalla speranza di rappresentare una candidatura di rinnovamento per il governo della regione; condizione che, nell’attuale situazione, è venuta meno. Gennaro Migliore sottolinea la profonda fiducia che ripone nelle primarie ma al tempo stesso è convinto che tale istituto democratico, in futuro, debba essere regolato dalla legge.

Mentre è di oggi la notizia del ritiro di Nello Di Nardo (IDV) che nella giornata di ieri aveva dichiarato di rimettere nelle mani del suo partito la propria candidatura. L’ufficialità è stata data dal segretario nazionale dell’IDV Ignazio Messina che annuncia: ”Ringrazio Di Nardo per aver messo a disposizione del partito la sua disponibilità. Idv ha una storia da tutelare e si sfila dall’intricato groviglio di sospetti e accuse di questi giorni e di possibili ‘strane’ ingerenze. Lavoriamo alla stesura del programma già da oggi e alla vittoria del centrosinistra in Campania e in tutte le regioni dove siamo a pieno titolo parte attiva della coalizione”.

Ai due ritiri si aggiungono l’addio al Pd dell’europarlamentare napoletano Massimo Paolucci e l’autosospensione dal partito del deputato Guglielmo Vaccaro, entrambi contrari allo svolgimento delle primarie. In questo clima di forti tensioni all’interno del centrosinistra, i tre candidati che si sfideranno domenica 1 marzo rimangono l’europarlamentare Andrea Cozzolino, l’ex sindaco di Salerno Vincenzo De Luca e il socialista Marco Di Lello.

Lascia un commento