Violenta ripetutamente il figlio di 11 anni, poi cerca online clienti pedofili

L’uomo, ora agli arresti, è stato scoperto grazie agli agenti della municipale che si sono finti clienti interessati

PedofiliaNapoli, 11 marzo – Ha violentato il figlio per oltre un anno e poi lo ha proposto a potenziali clienti online, attraverso la diffusione di immagini dei rapporti sessuali intrattenuti con il ragazzino. È questa l’accusa, per l’uomo di 44 anni, che è stato arrestato grazie all’intervento del nucleo Tutela minori della Polizia Municipale, i quali avevano iniziato tempo fa ad indagare su delle chat presenti in Internet. Così, gli agenti sono entrati in contatto con l’uomo, che offriva prestazioni del figlio di appena 11 anni.

Al momento dell’arresto, l’uomo avrebbe confessato il reato e pare trascorresse online gran parte del suo tempo libero. La madre del piccolo, si è detta all’oscuro di tutto e di non aver mai sospettato nulla. Quando ha appreso la notizia, è svenuta. Il piccolo invece, in un primo momento, ha tentato di difendere il padre ma poi ha confessato le strane cose che gli faceva fare il genitore.

Il materiale pedo-pornografico è stato sequestrato e l’uomo è al momento recluso nel carcere di Poggioreale. Immediato l’intervento di psicologi e assistenti sociali che faranno da supporto al bambino, alla madre e a un altro figlio della coppia.

Lascia un commento

16 − 5 =