Processo Ruby: la Cassazione assolve definitivamente Silvio Berlusconi

Respinto il ricorso della procura generale di Milano e confermata la sentenza di assoluzione espressa in Appello, si chiude cosi il processo Ruby. Felicità ad Arcore, il Cavaliere pronto a tornare in campo

rubysilvio (FILEminimizer)Roma, 11 marzo – Intorno alla mezzanotte, dopo 9 ore di camera di consiglio dei giudici della Cassazione, arriva l’assoluzione definitiva di Silvio Berlusconi per il processo Ruby. Il Cavaliere era stato condannato in primo grado a 7 anni di reclusione con l’accusa di concussione e prostituzione minorile. In secondo grado, a Milano, arrivò l’assoluzione ma contro il proscioglimento il sostituto procuratore della Corte D’appello di Milano Pietro De Petris presentò ricorso rigettato dai 5 giudici della Suprema Corte che hanno confermato l’assoluzione. Tra circa un mese si conosceranno le motivazioni della decisione.

Questa mattina Berlusconi ha espresso la sua felicità in una nota ufficiale “Finalmente la verità. Oggi è una bella giornata per la politica, per la giustizia, per lo stato di diritto. Ero certo che le mie ragioni sarebbero state riconosciute. Rimane però il rammarico per una vicenda che ha fatto innumerevoli danni non solo a me ma a tutti gli italiani”. Inoltre Berlusconi dopo aver ringraziato il suo team di avvocati e gli amici che gli sono stati vicini nel corso di questi anni riserva un grazie speciale anche ai magistrati: “Ringrazio naturalmente i magistrati che hanno fatto il loro dovere senza farsi condizionare dalle pressioni mediatiche e dagli interessi di parte. Quello che in altri Paesi sarebbe scontato in Italia è una prova di coraggio e di indipendenza che merita rispetto e ammirazione”.

Archiviata questa pagina il leader di Forza italia si dice pronto a scendere nuovamente in campo e c’è chi pensa che la sua prima battaglia sarà la modifica della legge Severino che gli impedisce di candidarsi. La legge è già al vaglio della Corte Costituzionale per la parte che riguarda l’incandidabilità degli amministratori locali condannati in primo grado. Berlusconi si dice fiducioso per una sua totale riabilitazione in quanto si aspetta buone notizie anche dalla Corte europea dove i legali del Cavaliere hanno presentato ricorso contro la sentenza del processo Mediaset conclusosi con la condanna a 4 anni per frode fiscale e per il quale l’ex premier ha appena finito di scontare la pena ai servizi sociali.

La notizia dell’assoluzione ricompatta anche Forza Italia dopo le divisioni e i mal di pancia dei giorni scorsi. Il verdetto scatena i commenti dei fedelissimi al leader del partito e in coro si chiedono chi sarà a risarcire Silvio Berlusconi per il danno politico e d’immagine subito in questi anni con chiaro riferimento alla norma sulla responsabilità civile dei magistrati divenuta legge proprio in questi giorni. Nel merito arriva anche il commento del consigliere politico di Forza Italia Giovanni Toti il cui auspicio e che possa esserci una riforma della giustizia che metta a sicuro la democrazia.

I legali di Berlusconi si dichiarano soddisfatti per il risultato raggiunto sostenendo che, con la sentenza della Cassazione, si chiude un processo tanto lungo quanto impegnativo e aggiungono “Torna la serenità con la soddisfazione di tutti quelli che non hanno mai creduto all’originale e azzardato impianto accusatorio”.

FOTO: tratta da www.tg1.rai.it

Lascia un commento

sei + tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.