Inaugurato a Ponticelli il poliambulatorio dell’Ospedale del Mare

Stamane, il taglio del nastro per gli ambulatori del presidio ospedaliero nel quartiere Ponticelli. Caldoro parla di “vittoria per tutti” ma è polemica sull’inagibilità degli altri settori della struttura. La Cgil e le opposizioni parlano di: “Spot pre-elettorale”

Caldoro_ospedale_del_mareSono stati inaugurati stamane gli ambulatori dell’Ospedale del mare, nuovo complesso sanitario che sorge a Ponticelli, nella periferia est di Napoli. Al taglio del nastro, ha provveduto il Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, alla presenza del direttore generale dell’Asl Napoli 1 Ernesto Esposito e del commissario dell’Ospedale del Mare Ciro Verdoliva. Assente il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, il quale ha sempre posto l’accento sulla necessità di non chiudere altri ambulatori presenti in città e il ministro della salute Beatrice Lorenzin.

Caldoro in un twett scrive: “Apre l’Ospedale del Mare. Un grande successo per Napoli e la #Campania. Una mia battaglia, una vittoria per tutti”. Sostanzialmente sulla stessa linea, il pensiero del Cardinale Crescenzio Sepe, che ha provveduto alla benedizione dei locali e ha affermato: “Finalmente si inaugura il poliambulatorio dell’Ospedale del Mare. Una buona notizia”.

Vincenzo De Luca (PD), avversario di Caldoro nella competizione elettorale per il rinnovo del consiglio regionale, parla di “truffa mediatica della Regione Campania sulla sanità, dopo cinque anni persi, e alla vigilia delle elezioni regionali. Lo sblocco del turnover – continua – lo attendevamo da anni. Perché ora? E come lo spieghiamo a chi finora ha subito disservizi per carenza di personale? Oltretutto a causa della mancanza del turnover – conclude – abbiamo pagato montagne di straordinario normale e di straordinario in auto-convenzione, con enorme stress degli operatori sanitari soprattutto nei pronto-soccorsi.

Sulla stessa linea anche il M5S, che parla di “inaugurazione farsa”. Valeria Ciarambino, candidata presidente alla Regione Campania, afferma: “Caldoro fa campagna elettorale con l’apertura farsa dell’ospedale del Mare e annunci di concorsi nella sanità. Il Presidente della Regione Campania – continua – afferma di avere un tesoretto utile di 240 milioni di euro da investire nel sistema sanitario regionale, ma non stabilizza subito i precari ne consente la mobilita’ interregionale di chi lavora fuori regione, ne’ fornisce i posti letto alle strutture ospedaliere campane affinche’ nessuno possa morire nei corridoi su barelle di fortuna. L’unico atto messo in campo e’ l’annuncio di concorsi nel comparto sanitario, guarda caso in prossimita’ delle elezioni regionali”.

E di “spot pre-elettorale” parla anche la Cgil, la quale attraverso Anna Canzanella, segretario funzione pubblica della Cgil, afferma: “Sono 12 anni che si aspettava l’apertura. Siamo seriamente preoccupati che questo nuovo presidio, situato fuori città, possa essere la risposta ai problemi che sta vivendo la sanità campana”.

Lascia un commento