Camorra: blitz dei carabinieri contro il clan Casalesi, 19 arresti

19 affiliati al clan sono finiti in manette, tra questi i responsabili degli atti intimidatori contro il sindaco di Teverola. Tra i reati contestati anche l’omicidio di Salvatore Ricciardi

blitz clan casalesiNapoli, 18 marzo – Alle prime luci dell’alba di questa mattina è scattato, ad Aversa, un blitz dei carabinieri che hanno notificato un ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione distrettuale antimafia partenopea, nei confronti di 19 indagati ritenuti affiliati del clan Casalesi della fazione Schiavone.

Gli indagati sono accusati di associazione per delinquere di stampo mafioso, estorsione, detenzione e porto illegale di armi e ordigni esplosivi, associazione finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti con l’aggravante del metodo mafioso. Tra i reati contestati nell’ordinanza emessa dal gip di Napoli vi sono anche l’omicidio di Salvatore Ricciardi, commesso nl 2010, e tre tentati omicidi.

Tra gli indagati ci sarebbero anche i responsabili che, sempre nel 2010, esplosero colpi di arma da fuoco contro il portone dell’abitazione dell’allora neoeletto sindaco di Teverola. Nell’ambito delle indagini, infatti, i carabinieri del reparto territoriale di Aversa hanno fatto chiarezza su due episodi intimidatori contro il primo cittadino: il primo episodio riguarda il recapito di una testa di bufalo mozzata e il secondo l’esplosione di colpi di arma da fuoco contro la sua abitazione. I due atti intimidatori sarebbero stati eseguiti per convincere il sindaco di Teverola a scendere a patti con i Casalesi.

FOTO: tratta da adnkronos.com

Lascia un commento

dodici − cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.